Aiutiamo la famiglia di Bruno: Tom’s Hardware avvia una raccolta fondi

Attualità

Aiutiamo la famiglia di Bruno: Tom’s Hardware avvia una raccolta fondi

Una raccolta fondi per dare un aiuto economico alla famiglia di Bruno Gulotta, morto nell'attentato terroristico di Barcellona lasciando moglie e due figli piccoli


Un aiuto concreto per la famiglia di Bruno Gulotta. L’iniziativa è dei colleghi di Tom’s Hardware che nelle ultime ore hanno lanciato una raccolta fondi chiamata ‘Aiutiamo la famiglia di Bruno’, per dare alla moglie Martina e ai figli del 35enne di Legnano morto nel terribile attentato sulle Ramblas di Barcellona, un sostegno economico. Donazioni che è possibile effettuare via Paypal, accedendo all’indirizzo appositamente istituito, per poi effettuare il versamento di una somma a piacere che verrà depositata su un conto dedicato alla famiglia. “Bruno Gulotta – ricordano amici e colleghi di Tom’s Hardware nel messaggio di presentazione dell’iniziativa – era un padre, un amico e un collega. Lascia un vuoto incolmabile e un dolore lancinante, ma anche problemi concreti che vogliamo iniziare a risolvere insieme a voi”.

Raccolta fondi via Paypal, il messaggio di Tom’s Hardware

Tutto lo staff di Tom’s Hardware – si apre così il messaggio dei colleghi di Gulotta – desidera ringraziare i cittadini che hanno voluto esprimere cordoglio e solidarietà con la famiglia di Bruno Gulotta e con noi, i suoi colleghi. Il dolore sarà a lungo incurabile, ma da subito abbiamo sentito un’altra pressante urgenza: aiutare chi è rimasto solo.

Martina e i suoi due figli, piccolissimi, devono affrontare una perdita indescrivibile. Forse non possiamo aiutarli ad affrontare il dolore, ma possiamo e vogliamo aiutarli a rendere un po’ meno pesante questo tremendo fardello. E chiediamo a tutti voi di aiutarci ad aiutarli. Abbiamo creato uno speciale conto su Paypal per raccogliere donazioni. Il denaro servirà a Martina e ai bambini per ripartire e incamminarsi su una strada che, temiamo, non potrà che essere una lunga e faticosa salita. Cercheremo di essere accanto a loro in ogni modo, e crediamo che questo sia uno dei modi migliori e più concreti di farlo.

bruno-paypal-66f3b316e45ffe221efbe4a85e3ceb036

Il conto può ricevere donazioni di ogni entità, e ogni centesimo conta. Siamo certi che alcuni vorranno ma si vedranno nell’impossibilità di farlo, e che tanti altri mostreranno più generosità di quanto sarebbe lecito aspettarsi. Ancora prima di cominciare vi ringraziamo tutti con tutto l’affetto di cui siamo capaci. Il conto, noterete, è a nome di Roberto Buonanno e non di Bruno. Questo perché è stato proprio Roberto, il nostro country manager, a creare il nuovo conto per la famiglia di Bruno. E l’ha fatto usando i suoi dati già registrati presso il servizio. Abbiamo ritenuto che non ci fosse tempo per fare diversamente, né ci è sembrato adeguato disturbare i famigliari di Bruno con sollecitazioni del tutto inopportune.

AIUTA LA FAMIGLIA DI BRUNO

Ci rendiamo conto che qualcuno potrebbe non gradire. Abbiamo agito con il massimo della buona fede, e rispettiamo le scelte di tutti. Se decidete che non vi piace, vi chiediamo solo di rispettare le persone che stanno soffrendo, e di evitare commenti che in altri momenti sarebbero senz’altro legittimi. Per fare una donazione bisogna andare sulla pagina dedicata al conto Famiglia Bruno Gulotta. Prima di tutto scrivete nella casella quanto volete donare. Cliccate sul pulsante blu SUCC e fate l’accesso a PayPal. Tornerete alla stessa schermata dove potrete rivedere la quantità di denaro inviato e il costo reale, incluse le commissioni applicate da Paypal. Cliccando su INVIA DENARO ORA l’operazione si conclude. L’indirizzo email dell’intestatario e themagicvendor@gmail.com

Vi aggiorneremo al più presto su quanto denaro saremo riusciti a raccogliere per i famigliari di Bruno. Grazie ancora alle migliaia di persone che hanno fatto sentire la propria solidarietà qui su Tom’s e sulla nostra pagina Facebook”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche