Al Teatro San Ferdinando di Napoli, “Révolution(s)” da Godard, Pasolini, Gaber, Badiou

Cultura

Al Teatro San Ferdinando di Napoli, “Révolution(s)” da Godard, Pasolini, Gaber, Badiou

Nell’ambito del progetto europeo Città in scena / Cities on stage, con la collaborazione artistica di Fiora Biasi e Olivier Saccomano si sarà la presentazione del laboratorio teatrale diretto da Nathalie Garraud, Révolution(s).

Sette giovani attori napoletani, selezionati dalla regista Nathalie Garraud lo scorso mese di ottobre, durante tre giorni di laboratorio al Teatro Mercadante, hanno avuto l’opportunità di risiedere un mese a Parigi per partecipare a un workshop, con la stessa Garraud all’Odéon, sul tema della Rivoluzione, a partire dai movimenti insurrezionali che hanno avuto come loro scena principale proprio la capitale francese.
L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto europeo denominato Città in scena / Cities on stageche vede coinvolti il Teatro Stabile di Napoli, il Teatro Nazionale della Comunità Francese del Belgio (Bruxelles), l’Odéon-Teatro d’Europa (Parigi), il Teatro Nazionale Radu Stanca (Sibiu, Romania), il Teatro de La Abadia (Madrid), il Folkteatern (Goteborg, Svezia).

Città in scena / Cities on stage si propone di indagare l’identità europea contemporanea; di incrementare lo scambio di saperi e di pratiche tra i partner dell’iniziativa, moltiplicando e approfondendo gli scambi di esperienze e di talenti in tutti i settori delle arti sceniche, da quelli artistici e tecnici a quelli organizzativi; di promuovere coproduzioni di opere teatrali originali; di sviluppare nel pubblico – con maggiore attenzione nei confronti degli spettatori giovani – uno spirito di apertura e curiosità verso le diverse realtà e sensibilità che compongono il panorama culturale europeo; di approfondire la conoscenza che i cittadini europei hanno dei loro vicini, sensibilizzandoli alle nuove sfide che si impongono alla loro comunità; di supportare i valori di rispetto, solidarietà e cooperazione; di promuovere l’alterità e la diversità come valore costitutivo del carattere europeo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...