Al via gli web theatre! COMMENTA  

Al via gli web theatre! COMMENTA  

Roma – Solo pochi mesi fa cominciavamo a parlare del fatto che su Instagram, nonostante si possano postare unicamente video di un massimo di 15 secondi, lo stesso nascano embrionali forme di narrazione seriale. Non hanno nessuna speranza di ritorno, godono di un pubblico ben più limitato di YouTube e ovviamente hanno molti più paletti espressivi, tuttavia lo stesso qualcuno ne esplora le potenzialità.

L’insaziabile voglia di trovare sbocchi differenti di misurarsi con spazi angusti e modelli peculiari non sempre ha una logica stringente ma lo stesso diventa uno stile.


 

teatro

Ad oggi nel panorama delle serie su Instagram un paio di sono fatte notare più delle altre per come hanno inteso questo mezzo e come sono riuscite a pensare una serializzazione a blocchi di 15 minuti.

La prima è Artistically challenged, la più classica delle serie comiche mordi e fuggi in cui ogni episodio contiene una o più punch line e, con passo rapidissimo, mette in piedi in 15 secondi una o più gag all’interno di una storia più grande. La trama è stranamente intricata (un pittore derelitto viene scambiato per grande artista e finisce in diversi intrighi per perpetuare l’inganno) e funzionale all’umorismo ma il pregio maggiore sta nel fatto che le battute sono costrette a lavorare sulla velocità e su un montaggio spietato. E il montaggio online è tutto, è il segreto dello specifico di questo mezzo, è l’unica tecnica realmente padroneggiata dai molti esordienti, l’unico strumento professionale che hanno a disposizione nonché la più economica delle soluzioni narrative.

L'articolo prosegue subito dopo

L’audiovisivo in rete, fin dall’inizio, ha vissuto di montaggio più che di ogni altra componente e ancora oggi è così.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*