Alien: Covenant: streaming, trama, cast

Cinema

Alien: Covenant: streaming, trama, cast

Alien

Con l'inossidabile Ridley Scott di nuovo saldamente al timone, torna al cinema l'interminabile saga di Alien, con l'atteso seguito di Prometheus.

Alien Saga: recap

Un inglese, un canadese, uno statunitense e un francese: per la precisione, Ridley Scott, James Cameron, David Fincher e Jean-Pierre Jeunet. Sono i quattro registi che si sono succeduti al timone della saga primigenia di Alien, a dimostrazione della dimensione multiculturale della creatura aliena creata dall’artista visuale Hans Rudolf Giger (peraltro nato e vissuto in Svizzera). Al tronco principale della saga, poi, dobbiamo aggiungere i due crossover Alien vs. Predator e Alien vs. Predator 2, diretti rispettivamente da Paul W. S. Anderson (altro inglese) e dai fratelli Colin e Greg Strause (statunitensi). La questione comincia a farsi decisamente dispersiva. Ecco allora che nel 2012 Ridley Scott riprende in mano le redini dell’universo futuribile che è alla base della saga di Alien e tenta di fare il punto della situazione partendo dalle origini: o per meglio dire, della genesi della creatura. Si intitola Prometheus il film – per la precisione un prequel della saga principale, dato che le vicende narrate si svolgono prima dell’epopea della saga con Sigourney Weaver – con Noomi Rapace, Michael Fassbender, Charlize Theron e Guy Pearce che descrive quella che sembra essere la nascita del mito della creatura xenomorfa: ora, con Alien: Covenant, è sempre il quasi ottantenne regista britannico a proporre un ulteriore capitolo della saga, con annessi, come è ovvio, nuovi approfondimenti.

Il nuovo capitolo della saga è in uscita in Italia l’11 maggio.

Alien: Covenant: trama, personaggi e anticipazioni

Con Alien: Covenant, ci troviamo dunque in presenza di un sequel del prequel, dal momento che le vicende narrate avvengono dopo quelle di Prometheus ma prima di quelle del primo Alien. La storia è ambientata nel 2104, vale a dire quindici anni dopo le vicende di Prometheus. Una nave spaziale denominata Covenant (in inglese vuol dire patto, accordo) giunge su un pianeta sconosciuto, e dopo le primissime analisi l’equipaggio scopre che non solo il pianeta è adatto alla vita umana, ma è un vero e proprio paradiso terrestre. Ma non tutto è come sembra. Durante l’esplorazione del pianeta, l’equipaggio scopre i resti della nave Prometheus, scomparsa quindici anni prima ed evidentemente schiantatasi sul pianeta. Con essa, il personale della Covenant rintracciano David, androide completamente sintetico, unico superstite dell’equipaggio del Prometheus, in tutto e per tutto identico a Walter, androide facente parte della spedizione Covenant.

Ma David non è rimasto per quindici anni completamente da solo: una popolazione di mostruose e voraci creature, infatti, condivide con lui lo spazio del pianeta, e se David ha capito come difendersi da loro (anche perché, in quanto essere sintetico, il suo corpo non può essere colonizzato da alcun parassita), lo stesso non si può dire dei malcapitati terrestri appena sbarcati.

Luoghi di ripresa e colonna sonora

Alien: Covenant è stato girato interamente fra Australia e Nuova Zelanda. Gli interni delle navi spaziali, e in generale tutte le scene al chiuso, sono stati ricostruiti nei Fox Studios di Moore Park, a Sydney, dove sono furono girati a loro tempo i due Matrix Reloaded e Matrix Revolutions. Per riprodurre gli esterni del nuovo lussureggiante pianeta, invece, la troupe del film si è spostata fra l’entroterra australiano e gli altopiani neozelandesi. Nello specifico, IMDB elenca tra le filming locations il Fiordland National Park in Nuova Zelanda, e Potts Hill, dalle parte di Sydney.

Per quanto riguarda la colonna sonora, la produzione si è affidata al quarantunenne australiano Jed Kurzel: quest’ultimo, membro fondatore del duo rock-blues The Mess Hall e virtuoso della chitarra. I suoi lavori per il cinema più significativi li ha realizzati per il fratello Justin Kurzel, regista che negli ultimi dieci anni si è costruito una certa reputazione a Hollywood e dintorni: i suoi lavori più famosi sono Snowtown, Macbeth e Assassin’s Creed, e negli ultimi due recita Michael Fassbender, ovvero l’interprete dell’androide David in Prometheus e dello stesso personaggio, duplicato dall’altro androide Walter, in Alien: Covenant. Che sia stato lui a metterci la classica buona parola?

Trailer del film

Il trailer di Alien: Covenant è disponibile online – oltre a essere diffuso sia in TV che nei cinema prima degli spettacoli – da circa un mese. Tutto sommato, il breve filmato – poco più di due minuti e mezzo nella sua versione estesa – punta molto sulla suspense e un po’ meno sulla parte splatter – che pure nel film esiste -, e soprattutto fa molta attenzione a non mostrare troppo la creatura xenomorfa.

La quale fa bello sfoggio di sé, nel pieno della sua mostruosità, solo nel finale. Basterà ad attirare gli Alien-maniaci?

Alien: Covenant: il cast completo

Dei superstiti di Prometheus, non ritorna il solo Michael Fassbender. Anche Noomi Rapace e Guy Pearce fanno la loro ricomparsa, in un apposito – e alquanto ingegnoso – flashback. Il resto del cast principale comprende Billy Crudup (interprete, fra gli altri, di Tutti dicono I Love You di Woody Allen, Sleepers di Barry Levinson, Almost Famous di Cameron Crowe, Big Fish di Tim Burton, Il caso Spotlight di Tom McCarthy e Jackie di Pablo Larraín), Katherine Waterston (di recente vista in Animali fantastici e dove trovarli di David Yates) e l’attore messicano Demián Bichir, volto amatissimo da un nutrito manipolo di registi di culto come Quentin Tarantino, Robert Rodriguez, Oliver Stone e Steven Soderbergh. Anche James Franco appare in un piccolo cameo, nel ruolo del precedente comandante della nave spaziale Covenant.

Chi è il regista?

Come già detto, giunto alla soglia degli ottanta anni, l’inglese Ridley Scott è uno dei registi più celebri di Hollywood.

Partito come autore di pubblicità per la TV inglese, ha esordito nel cinema non più giovanissimo, a quaranta anni, con il film di culto I duellanti. Da allora, è stato un susseguirsi di successi, che hanno fatto di Scott uno dei registi con il maggior numero di film campioni d’incasso in curriculum: oltre al primo Alien, infatti, la sua filmografia comprende pezzi di storia del cinema come Blade Runner, Thelma & Louise, Soldato Jane, Il gladiatore, Hannibal, The Counselor. La sua carriera non sembra conoscere battute d’arresto, né sembra incombere l’ombra della pensione: alle viste, infatti, c’è Blade Runner 2049, sequel ufficiale del suo film più amato, famoso e discusso, ma solo come produttore. Mentre come regista lo attendono due nuovi lavori, uno dei quali ambientato in Italia.

Alien: Covenant: come vederlo in streaming

Al netto delle fonti di approvvigionamento illegali, che ovviamente sconsigliamo, prima di poter godere della visione autorizzata di Alien: Covenant in streaming, dovremo aspettare che un network che si occupa di tale forma di distribuzione acquisisca i diritti del film. Nel frattempo, godetevi il film su grande schermo, nella magnificenza del suo bel Dolby Surround 7.1.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...