Alla scoperta di Palazzo Doria Pamphili, Roma

Casa

Alla scoperta di Palazzo Doria Pamphili, Roma

palazzo-doria-pamphilj-galleria-museo-roma-galleriaspecchi4

Palazzo Doria-Pamphili è un edificio storico di Roma compreso tra Via del Corso, piazza del Collegio Romano, via della Gatta e via del Plebiscito. Il Palazzo risale al XVII secolo ed è opera degli architetti Gabriele Valvassori, Carlo Maderno e Andrea del Grosso.

Originamente era di proprietà della famiglia Della Rovere, passò per le mani della famiglia Aldobrandini, venne infine acquistato dalla famiglia Doria, ancora oggi proprietaria, che fece ingrandire il palazzo su progetto di Carlo Mardeno, facendolo diventare il palazzo di proprietà privata più grande di roma e uno dei più maestosi d’europa. Inoltre nel settecento il palazzo venne ulteriolmente ampliato, furono comprati e demoliti le case vicine e un convento, architetto incaricato di questo progetto era Antonio del Grande.

Gli appartamenti, ancora oggi abitati dagli attuali discendenti, furono variamente decorati, fino alla riconfigurazione impressa loro dai Doria dopo il 1763, anno in cui si trasferirono a Roma, avendo ottenuto il riconoscimento alla successione e alla fusione dinastica con i Pamphilj. Gli splendidi soffitti affrescati offrono così ancora oggi un’ interessante rassegna di pitture romane di quella fase del Settecento

Il palazzo ospita anche una galleria, qui, nei quattro bracci affacciati sul cortile interno con le sue splendide arcate rinascimentali, così come nelle due grandi sale adiacenti, la Sala Aldobrandini e quella dei Primitivi, si concentrano la maggior parte dei capolavori della collezione privata della famiglia Doria Pamphilj.

Un grande palazzo nobiliare nasconde sempre un luogo intimo, riservato al raccoglimento e alla preghiera, un’isola di spiritualità in cui un tempo i componenti della famiglia potevano rifugiarsi per godere del silenzio necessario al culto. Questo luogo a Palazzo Doria Pamphilj è l’incantevole Cappella progettata da Carlo Fontana tra il 1689 e il 1691, più volte rimaneggiata e arricchita nei secoli successiv

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...