Allarme per il super batterio Klebsiella pneumoniae

Salute

Allarme per il super batterio Klebsiella pneumoniae

Diventa sempre più resistente ai farmaci il batterio Klebsiella pneumoniae e la situazione comincia a diventare allarmante. Questo batterio vive nell’intestino dei portatori ma provoca infezioni a livello dei polmoni e delle vie urinarie, da dove può dare origine a gravi setticemie. Si tratta di un batterio molto diffuso negli ospedali. Le klebsielle hanno imparato a difendersi dagli antibiotici. I dati egli ultimi anni sono preoccupanti. Come riporta il Corriere:

«La percentuale di klebsielle resistenti a molti antibiotici è andata costantemente crescendo in più di un terzo dei Paesi europei negli ultimi quattro anni – ha dichiarato Dominique Monnet, coordinatore del settore “Resistenza agli antimicrobici e infezioni associate all’assistenza sanitaria” del Centro europeo per il controllo delle malattie -. In alcune zone, ormai, più del 60 per cento dei ceppi di klebsiella isolati dal sangue non rispondono alle cure abituali». Per curare questi malati non resta altro una categoria di antibiotici, detti carbapenemi, usati come ultima risorsa esclusivamente negli ospedali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche