Allarme truffe Secur Gas COMMENTA  

Allarme truffe Secur Gas COMMENTA  

Allarme in tutta Italia da parte delle associazioni dei consumatori per l’attività svolta da presunti rappresentanti di una società lombarda che risponde al nome di Secur Gas.

Leggi anche: 10 film da vedere in coppia a San Valentino


Numerose le persone che hanno denunciato la truffa, riportando racconti simili.

Gli incaricati della ditta appongono un manifesto di avviso all’ingresso o nelle parti comuni del condominio, nel quale preannunciano le visite a domicilio dei tecnici, fra riferimenti alla normativa UNI e accenni all’obbligo di sostituzione della canna del gas.

Leggi anche: 10 novembre: Ennio Morricone compie 88 anni


All’atto della visita, viene presentato un piccolo apparecchio per la rilevazione di fughe di gas, da installare a muro e proposto quale soluzione ad ogni eventuale pericolo.


Costo dell’apparecchio, pare, circa 20 euro.

Costo richiesto dalla Secur Gas, pare, circa 250 euro.

È qui che, secondo alcuni, scatta la truffa. Altre persone coinvolte hanno denunciato il fatto che, all’atto della visita, l’installazione del rilevatore di fughe di gas sia stata definita obbligatoria secondo legge, dettaglio al quale la Secur Gas sembra essere invece molto attenta, visto che pare provveda a far sottoscrivere un documento in cui il cliente dichiara di essere consapevole del fatto che l’apparecchio non è obbligatorio.

L'articolo prosegue subito dopo


Ancora molto da chiarire, insomma, da ogni punto di vista, ma, nel frattempo, l’allarme lanciato dalle associazioni dei consumatori è già scattato.

Leggi anche

Bimbo nato disabile a Catania: le sentenzevoleva finire il turno
Attualità

Bimbo nato disabile a Catania: le sentenze

Nasce un bambino disabile perché i medici non hanno voluto fare gli straordinari. La malsanità oggi è all'ordine del giorno in Italia.   Una mamma disperata e traumatizzata di Catania racconta. "Li imploravo di farmi il cesareo, ma loro mi ignoravano. Ora mio figlio è disabile e non so ancora un giorno potrà parlare e camminare, non so nemmeno se sente la mia voce". La donna doveva partorire e i medici le hanno negato il parto cesareo per evitare lo straordinario e poter così ritornare a casa. La donna oggi, a distanza di un anno e mezzo dalla nascita del suo bambino, chiede Leggi tutto

1 Trackback & Pingback

  1. Allarme truffe Secur Gas | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*