Allergie al cloro nelle piscine

Casa

Allergie al cloro nelle piscine

Piscina
Piscina

L’allergia al cloro è un fastidio sempre più diffuso. Ma come difendersi? Ecco alcuni consigli pratici per poter affrontare il problema al meglio.

L’allergia al cloro è un’allergia potenzialmente pericolosa e dannosa che può causare da lievi a gravi sintomi. In alcuni casi può essere un fastidio, mentre in altri casi può essere pericolosa per la vita. È importante capire l’identità di eventuali allergie per determinare se per voi l’esposizione al cloro è un problema. Le piscine utilizzano una grande concentrazione di cloro e questo può provocare un aggravamento dell’allergia.

1

DESCRIZIONE

L’allergia al cloro è un’allergia al cloro chimico, usato comunemente in acqua e nei servizi igienico-sanitari della piscina. Queste allergie possono verificarsi con diversi sintomi, quindi a volte può essere difficile scoprire se un’allergia esiste realmente e se sia il cloro ad aver attivato i sintomi. Di solito appaiono come problemi nasali, ma di tanto in tanto possono comparire sul corpo rash cutanei o macchie bianche .

SINTOMI E POSSIBILI SOLUZIONI

I sintomi più comuni di allergia al cloro includono: reazione cutanea (risolvibile spesso solo con creme cortisoniche e antistaminici), prurito agli occhi o lacrimazione e occhi rossi (in questo caso l’uso di un collirio aiuta ad alleviare il fastidio), naso chiuso, tosse. Tuttavia, nei casi più gravi, una allergia al cloro può scatenare sintomi simili all’asma in cui si contraggono i polmoni e si restringono le vie respiratorie. Ciò può causare difficoltà nella respirazione, che può essere estremamente pericolosa in una piscina. Se la respirazione sembra affannosa o difficile a contatto con il cloro, allora è probabile che esista un’allergia. Consultare un medico immediatamente se si nota uno di questi sintomi allergici.

FRAINTENDIMENTI

Molte persone pensano di avere un’allergia, quando in realtà tutto ciò che hanno è una sensibilità al cloro e a sostanze chimiche che in realtà non sono correlati con l’allergia. Alcuni dei sintomi di sensibilità al cloro sono identici ai sintomi delle allergie, e possono rendere ancora più difficile una diagnosi. È importante consultare un medico per determinare la natura della sintomatologia.

PREVENZIONE

Gli attacchi di allergia possono essere facilmente prevenuti con la rimozione del cloro da piscine, con l’uso di prodotti per la pulizia e acqua potabile. Un distillatore può rimuovere efficacemente la maggior parte del cloro dall’acqua. Le piscine possono essere sterilizzate con altri materiali, come il bromo. Alcune piscine offrono anche servizi igienico-sanitari con l’uso di un prodotto a base di sale.

AVVERTENZA

I bambini che passano molto tempo nelle piscine sono più soggetti ai rischi per allergie nasali e asma. Uno studio del 2009 del Pediatrics Journal ha osservato un campione di 847 adolescenti che nuotavano regolarmente in piscina. Gli adolescenti che hanno trascorso più di 1.000 ore in una piscina per tutta la loro vita avevano dalle 7 alle 14 volte più probabilità di manifestare problemi di allergie rispetto ai bambini che avevano trascorso meno di 100 ore. È molto importante osservare costantemente i bambini e notare eventuali cambiamenti nei sintomi di allergia durante la frequenza della piscina.

1 Commento su Allergie al cloro nelle piscine

1 Trackback & Pingback

  1. Allergie al cloro nelle piscine - Segreto Di Stato

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...