Dopo il terremoto ora si pensa alla ricostruzione con Renzo Piano COMMENTA  

Dopo il terremoto ora si pensa alla ricostruzione con Renzo Piano COMMENTA  

ricostruire con renzo piano
ricostruire con renzo piano

Dopo la tragedia avvenuta nella notte di mercoledì 24 Agosto ad Amatrice e nei comuni limitrofi ora bisogna alzare la testa e pensare a cosa fare, a cosa ognuno di noi può fare. In questi giorni si è sentito parlare molto di aiuti economici e non solo, di sostentamento morale per le vittime colpite dal terremoto, abbiamo visto diverse manifestazioni, dalle spaghettate per la raccolta fondi, aiuti umanitari provenienti da tutto il mondo, una solidarietà che ci ha travolti tutti, abbiamo visto in questi ultimi giorni un’Italia unita, molto unita, purtroppo dal dolore.


Il sindaco di Amatrice disperato per la sua città lo abbiamo visto chiedere aiuto. Ora tocca ai piani alti cercare delle vere e concrete soluzioni, perchè noi cittadini purtroppo non possiamo fare molto altro.


Il governo vuole affrettare i tempi al fine di trovare una sistemazioni migliori per gli sfollati il prima possibile, si pensa ai container o alle case di legno entro 3/4 mesi dovrebbero avere una sistemazione stabile, il governo sta cercando di convogliare tutte le energie del paese, come ad esempio la riunione tenutasi oggi a Genova con il famoso architetto Renzo Piano.

L’architetto ha parlato del progetto “Casa Italia” la filosofia di Piano è quella di “ricucire senza distruggere”  al fine di non allontanare le persone dalla loro città, si tratta di “abitazioni montate nella zona sismica, strutture temporanee, non definitive” ovvero casette di legno montate ad Onna.

L'articolo prosegue subito dopo

Ancora da capire il ruolo che avrà Renzo Piano nella ricostruzione, se sarà solo marginale e legato alla consulenza o se avrà un ruolo centrale, staremo a vedere.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*