Americana spende 500 dollari per salvare la vita al pesciolino

Americana spende 500 dollari per salvare la vita al pesciolino
Americana spende 500 dollari per salvare la vita al pesciolino

La proprietaria di un animale ha speso 500 dollari in procedure mediche dal veterinario per salvare il suo pesciolino dopo che ha ingoiato un sassolino.

Emma Marsh ha comprato il suo pesciolino Conquer un anno fa circa spendendo 12 dollari. Ma quando si è resa conto che stava quasi soffocando dopo aver ingoiato un sassolino, i soldi sono stati l’ultimo problema e ha speso 500 dollari per salvargli la vita.

La donna di 21 anni del Kuraby, in Australia, ha portato immediatamente Conquer all’ambulatorio di Veterinaria del Brisbane Bird and Exotics Veterinary Service a Greenslopes.

Leggi anche: La mia grappa è una ‘bomba’, scattano misure anti terrorismo


Il veterinario  Emma McMillan e il suo staff hanno dovuto far colare un anestetico al pesciolino finché non si è addormentato. Poi, hanno inclinato la sua bocca facendo fuoriuscire l’acqua usando delle tenaglie per estrarre la pietra ingoiata.

Leggi anche: Aggredisce autista con l’ombrello e provoca incidente, 11 feriti

La veterinaria ha raccontato al Courier Mail: “Il pesciolino pesa solo 13 grammi ed è lungo solo 5 cm.”

“Il sassolino ingoiato era lungo circa otto o nove millimetri ed era bloccato in maniera longitudinale nella sua bocca e questa è la ragione per cui abbiamo faticato a farlo uscire. Il pesciolino provava a fare dei movimenti con la bocca per rimuoverlo.

Leggi anche: Terremoto magnitudo 6.4 tra isole Tonga e Fiji, replica M 6.6

Se non avessimo fatto in tempo, sarebbe morto”.

L’intero procedimento ha salvato la vita di Conquer, ma Ms Marsh ha dovuto sborsare 100 dollari per la chiamata di emergenza e altri 400 dollari per l’anestetico e per la notte passata in ospedale, per un totale di 500 dollari di cure.

 

 

Leggi anche

foto-hard-sul-web
Cronaca

Ragazzo di Pordenone trova le sue foto hard online

Un ragazzo di Pordenone sta lottando affinchè vengano eliminate dal web alcune fotografie intime e private e che sono state diffuse su molti siti porno senza il suo consenso Dopo il suicidio di Tiziana Cantone, la ragazza che si è tolta la vita a causa di un video hard, molte persone vittima di un simile bullismo hanno trovato il coraggio di affrontare questo argomento. E' il caso di un ragazzo di Pordenone, che è stato derubato di alcune fotografie personali che ha visto in seguito diffuse sul web. Il ragazzo ha raccontato di essersi scattato delle foto intime ma che [...]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*