Amico e migliore amico: ecco cosa li distingue

Attualità

Amico e migliore amico: ecco cosa li distingue

Chi trova un amico trova un tesoro, si dice, ma che cosa distingue un vero amico, il migliore amico, da uno normale?

Ci sono amici e amici. Ci sono quelli con cui ci si diverte, con cui si scherza fino al mattino, con cui si condividono avventure di cui si farnetica ancora anni dopo e ci sono quelli con cui si può parlare di tutto, confidarsi fino a scoprirsi del tutto. E il migliore amico? Com’è fatto il migliore amico e cosa lo contraddistingue rispetto agli altri?

La risposta più banale è che il migliore amico è quello con cui ci si diverte e con cui ci si può anche confidare. Certo, ma l’ovvietà aiuta a sentire appagato un proprio bisogno di logica e ordine, non è detto che dia una risposta. Occorre quindi andare un po’ più in profondità.

Qualche caratteristica del migliore amico la si può di certo stabilire. Intanto, un amico vero non ti molla per strada, sia in senso figurato, sia in senso letterale.

Mai. Poi, un amico vero ti capisce. Capisce gli stati d’animo, capisce quando è il caso di parlare e quando è il caso di ascoltare e basta. Un amico vero, poi, è senza dubbio sincero: non mente, non nasconde, non dissimula. Un amico vero, infine, dura nel tempo. Basta questo per definire un amico vero? Non si sa, ma, del resto, come in tutto, partire con una buona teoria è utile, non certo sufficiente. Nella pratica, capire chi è un vero amico è molto più semplice di quanto si creda, talmente semplice che si rischia di sbagliarsi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche