‘Amministratore delegato’ su Google Immagini: la prima donna che compare è Barbie COMMENTA  

‘Amministratore delegato’ su Google Immagini: la prima donna che compare è Barbie COMMENTA  

Se si digita ‘CEO’ (corrispondente in italiano di Amministratore Delegato) su Google e si fare clic su ‘Immagini’, sarete accolti da una serie una serie di immagini di sorridenti uomini in giacca e cravatta.

Leggi anche: Vivere in 24 mq: Carmel Building, primo palazzo di micro appartamenti a New York


Scorrere verso il basso volti familiari emergeranno: Mark Zuckerberg di Facebook, il compianto Steve Jobs, il capo esecutivo di JPMorgan Jamie Dimon.

Alla fine, 11 righe in basso, compare il primo volto femminile.

Leggi anche: Le scarpe si consumano su un lato? Meglio fare attenzione, ecco cosa si rischia


Ed è quello di Barbie.

Il che, come Twitter fa notare e la bufera che è scoppiata subito dopo, è piuttosto terrificante.

‘Il mondo ha bisogno di più donne amministratori delegati,’ dice Debbie Cavalier, amministratore delegato di apprendimento on-line presso il Berklee College of Music, nonchè la prima donna umana reale a comparire con la ricerca di Google Immagini di ‘CEO’.

Il business Insider riporta che, nonostante il 27 per cento degli amministratori delegati negli Stati Uniti siano donne, esse rappresentano solo l’11 per cento dei risultati di Google Immagini.


Ma nonostante la signora Cavalier compaia di rango sotto alla famosa bambola, contrariamente alle donne indignate su Twitter non ha alcun problema con Barbie – anzi il contrario.

L'articolo prosegue subito dopo


‘Io sono una grande fan di Barbie,’ ha detto ‘Penso che Mattel faccia un buon lavoro, fornendo una miriade positivi modelli di ruolo di “Barbie” che trasmettono le donne possono fare e di essere qualsiasi cosa.’

Leggi anche

Style

Transgender famosi e poco conosciuti

Il termine "transgender" è molto di moda oggi: quale significato, persone classificabili, lista dei più famosi e conosciuti al mondo, nomi non popolari Il termine transgender è diventato di grande moda, spesso se ne sente parlare ma, in effetti, nessuno ha ben chiare le idee dato che anche nella lingua italiana sono differenti i significati del termine a seconda del contesto in cui si utilizza la parola. Per quanto concerne la sua origine etimologica, è da ricondursi al movimento LGBT, nato negli USA intorno ai primi anni ‘80, per indicare un movimento di stampo politico che avversa la logica eterosessista Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*