Amsa, dalla fine 2012 parte la raccolta dell’umido COMMENTA  

Amsa, dalla fine 2012 parte la raccolta dell’umido COMMENTA  

A fine 2012 la raccolta della parte organica dell’immondizia partirà anche a Milano: è quanto emerso dall’audizione del presidente Amsa, Sonia Cantoni, in commissione Ambiente a Palazzo Marino. L’operazione costerà complessivamente a regime, nel 2015, 5,6 milioni di euro, pari a circa 8 euro per famiglia all’anno. Per l’Expo si punta ad aumentare la quota di raccolta differenziata, oggi ferma al 34 per cento, fino al 65 per cento.


L’introduzione dell’umido anche per le famiglie (ora è attivo solo per le attività commerciali e le grandi utenze, per esempio le mense) previsto dal piano dell’Amsa verrà accompagnato da una riorganizzazione dell’azienda partecipata del Comune, che si dovrà dotare anche di nuovi mezzi per la raccolta, da una campagna informativa e dalla distribuzione porta a porta dei bidoni grigi per i condomini e dei cestelli, dello stesso colore, alle famiglie. In particolare, poi, il confronto con i cittadini passerà per una replica, da febbraio, delle assemblee pubbliche con le zone sul modello di quanto in corso per Area C.


Il progetto prevede una partenza a tappe della differenziazione della frazione organica. Il territorio del capoluogo lombardo verrà diviso in quattro zone che partiranno scaglionate tra la fine del 2012 e metà-fine del 2014.

La raccolta da parte degli addetti dell’Amsa avverrà due volte a settimana. Anche la raccolta della spazzatura indifferenziata subirà cambiamenti a breve: dal 15 febbraio sarà introdotto il sacco trasparente per l’indifferenziata che sostituirà il sacco nero.

L'articolo prosegue subito dopo

Una novità che dal 15 maggio diventerà poi obbligatoria.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*