Anche i ragazzi delle Medie vanno a scuola camminando

Torino

Anche i ragazzi delle Medie vanno a scuola camminando

Si chiama “ProMUOVIAMO autonomia” ed è la nuova sezione di A scuola camminando 2013-2014. Dedicata agli studenti delle scuole secondarie di 1° grado, è finalizzata a consentire ai ragazzi viaggi casa-scuola “più autonomi e costanti attraverso modalità organizzative che sviluppino un maggior senso di appartenenza al territorio”, come si legge nel bando di concorso. Inoltre, da quest’anno le scuole che favoriranno la partecipazione di nuove scuole godranno di un punteggio supplementare. Sono queste le principali novità dell’edizione 2013-2014 del concorso ideato dalla Provincia di Torino nel 2006 – nell’ambito del tavolo di Agenda 21 sulla mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici – per diffondere e incentivare gli spostamenti da e verso scuola a piedi o in bicicletta.

Il concorso, rivolto alle scuole d’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, statali e paritarie, è aperto dal 15 ottobre al 16 aprile e presenta 4 sezioni:
1) “Kilometrinsieme”, riservata alle scuole che organizzano gli spostamenti casa-scuola a piedi e in bicicletta per non più di 45 giorni;
2) “Piedilinea”, rivolta agli istituti che incoraggiano fin dall’inizio dell’anno gli spostamenti ecologici, con itinerari stabili, strutturati e individuati (per esempio con paline a indicare i punti di ritrovo e i percorsi);
3) “Patti per camminare”, pensata per le scuole che hanno inserito i percorsi casa-scuola nei piani di formazione e che lavorano con la finalità di rendere le iniziative permanenti in coordinamento con altre istituzioni (Comuni, ASL);
4) “ProMUOVIAMO autonomia”, di cui si è detto sopra.

“Siamo felici di avere ammesso al concorso anche i ragazzi delle scuole medie” spiega l’assessore all’Ambiente della Provincia di Torino Roberto Ronco.

“Per loro il piacere di andare a scuola piedi si unisce a quello di sperimentare la conquista delle prime forme di autonomia”.

Anche quest’anno è in palio il premio “A piedi anche tu”, dedicato agli istituti che partecipano per la prima volta. Le scuole partecipanti possono proporre anche un progetto per la locandina di “A scuola camminando” 2013-2014: il migliore sarà l’immagine dell’edizione del prossimo anno.
Ogni sezione premierà 3 concorrenti (1500 euro per il primo classificato, 1250 per il secondo e 1000 per il terzo; perProMUOVIAMO autonomia: 750, 500 e 250). I 3 migliori progetti tra quelli presentati dalle scuole dell’infanzia, se non si saranno classificati nelle succitate sezioni, riceveranno il premio “A scuola camminando con l’infanzia”, che ammonta a 250 euro. Stessa cifra per le tre scuole che si aggiudicheranno il trofeo “A piedi anche tu” e per il vincitore del premio “Locandina”.
Anche quest’anno, inoltre, è stato indetto il premio “Raccogli-albero” (250 euro). Per partecipare è necessario realizzare un “Albero dei percorsi sicuri casa-scuola” i cui frutti sono le parole-chiave con i quali i bambini e i ragazzi sintetizzano il significato del loro andare a scuola a piedi.
Le domande di partecipazione dovranno essere inviate alla Provincia di Torino entro il 30 aprile 2014.

La premiazione delle scuole vincitrici avrà luogo in occasione delle iniziative per la celebrazione della Giornata Mondiale dell’Ambiente.

Il bando, i materiali richiesti per l’iscrizione e tutte le informazioni sono scaricabili da:
http://www.provincia.torino.it/ambiente/educazione/ascuola_camminando/index.

Anche gli adolescenti potranno cimentarsi sul tema della mobilità: dal 2011 la Provincia di Torino indice un bando di concorso rivolto agli studenti delle scuole secondarie superiori intitolato “Giovani in movimento”, con l’obiettivo di premiare progetti di promozione della mobilità sostenibile pensati dai ragazzi. Il premio è di 3000 euro per ciascuna delle prime due scuole classificate. Le domande di partecipazione dovranno essere spedite in Provincia entro il 2 dicembre. Maggiori informazioni suwww.provincia.torino.gov.it/ambiente/agenda21/mobilita_scuola/giovani_in_movimento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche