Anche in Italia arriva il cohousing COMMENTA  

Anche in Italia arriva il cohousing COMMENTA  

Era il 1972 e a Copenaghen nasceva la prima comunita’ di cohousing, oggi si trovano oltre 600 comunità di cohouses in Danimarca, 100 negli Stati Uniti e dozzine nel resto dell’Europa, Regno Unito, Olanda, Svezia, Germania e questa tipologia abitativa si sta affermando anche in Italia.


Ma che cos’e’ il cohousing? Si tratta di insediamenti abitativi di private abitazioni con ampi spazi (coperti e scoperti) destinati all’uso comune e alla condivisione tra i cohousers che possono essere  cucine, lavanderie, spazi per gli ospiti, laboratori per il fai da te, spazi gioco per i bambini, palestra, biblioteca e altro ancora.  Un progetto di cohousing comprende dalle 20 alle 40 famiglie che convivono come una comunita’ di vicinato e gestiscono gli spazi comuni in modo collettivo ottenendo anche risparmi economici e benefici di natura ecologica e sociale.


I prototipi in Italia sono in Umbria, a Terni e qualcosa si sta muovendo anche a Milano dove il Politecnico sta effettuando una serie di ricerche nell’hinterland per testare la predisposizione al cohousing.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*