Anche un’italian​a nel cast di Parsons Dance in tour italiano dal 31 gennaio al 12 marzo 2012

Cultura

Anche un’italian​a nel cast di Parsons Dance in tour italiano dal 31 gennaio al 12 marzo 2012

Debutterà al Teatro Nuovo di Milano il tour 2012 della Parsons Dance Company, la compagnia di danza americana creata dall’eclettico David Parsons, icona internazionale della modern dance.
Parsons Dance torna a grande richiesta in un lungo tour che dopo Milano toccherà alcune delle maggiori città italiane fra cui Genova, Torino, Bologna, Roma Padova, Verona, Bergamo, Cagliari, Trapani, Palermo e Catania.

Parsons Dance presenterà una raccolta delle più belle coreografie dell’artista statunitense “Hand Dance”, “Swing Shift”, “Caught”, “Nascimento”. Questi brani classici saranno affiancati da “Round my world”, ultima creazione che sarà eseguita in prima europea.

Nel cast anche la pescarese Elena D’Amario, giovane artista italiana proveniente dalle fila della trasmissione “Amici di Maria De Filippi”. Proprio grazie al programma tv, Elena ha potuto frequentare a New York uno stage con la compagnia per poi divenirne membro ufficiale lo scorso agosto. Sul palco a fianco a lei: Eric Bourne, Sarah Braverman, Melissa Ullom, Steven Vaughn, Christina Ilisije, Jason Macdonald e Ian Spring.

Dagli anni Ottanta David Parsons, vera e propria icona della Post Modern Dance statunitense, intrattiene il pubblico di tutto il mondo con una danza piena di energia e positività, acrobatica e comunicativa al tempo stesso.
La Parsons Dance – fondata nel 1987 da David Parsons e dal light designer Howell Binkley – è tra le poche Compagnie che, oltre ad essersi affermate sulla scena internazionale con successo sempre rinnovato, siano riuscite a lasciare un segno nell’immaginario teatrale collettivo e a creare coreografie divenute veri e propri “cult” della danza mondiale.
Sin dagli esordi, l’alta preparazione atletica degli interpreti e la grande capacità del fondatore di dare anima alla tecnica sono state gli elementi distintivi della compagnia.

Come ha scritto il New York Times, “I ballerini vengono scelti per il loro virtuosismo, energia e sex appeal, attaccano il pubblico come un ciclone, una vera forza della natura”. Le creazioni di Parsons, prima fra tutte la celeberrima “Caught” del 1982, portano il segno di una straordinaria teatralità e di un lavoro fisico che si trasforma in virtuosismo e leggerezza.
È una danza solare, che diverte in quanto espressione di gioia, capace di trasmettere emozioni semplici e dirette, quindi estremamente accessibile al grande pubblico.
Le performance della compagnia sono esaltate con fantasia e immaginazione dal light designer Howell Binkley, mentre tra le collaborazioni eccellenti figura Luca Missoni che ha firmato i costumi di molti pezzi. La compagnia vanta un vasto repertorio di coreografie originali.
Le musiche spaziano da Rossini e Mozart al jazz di Phil Woods e Miles Davis, dal leggendario musicista brasiliano Milton Nascimento a Robert Fripp, chitarrista e fondatore dello storico gruppo rock inglese King Crimson; dalla popolare musica della Dave Matthews Band alle celeberrime hit degli Earth, Wind & Fire.

“Vedere uno spettacolo della Parsons Dance è come guardare qualcuno
che canta sotto la doccia: sono ad un tempo intrepidi, liberi, divertenti”.
New York Times

“La Danza moderna può essere molte cose: intensa, sorprendente, emozionale, magnifica, brutta o noiosa, tutto quello che può venire in mente.

Spesso, però, non è divertente. Tranne quando il coreografo è David Parsons” .
Observer Tribune

“L’effetto Parsons elettrizza pubblico e botteghino”
Corriere della Sera

TOUR ITALIANO 2012

Dal 31 Gennaio al 5 Febbraio Teatro Nuovo, MILANO
7 Febbraio Politeama Genovese, GENOVA
8 Febbraio Teatro Colosseo, TORINO
9 Febbraio Teatro Sociale, COMO
10 Febbraio Teatro Sociale, CASTIGLIONE delle STIVIERE
11 Febbraio – 12 Febbraio Europauditorium, BOLOGNA
Dal 14 al 18 Febbraio Auditorium della Conciliazione, ROMA
19 Febbraio Teatro Lyrik, ASSISI
21 Febbraio Teatro Toniolo, MESTRE
22 Febbraio Teatro Comunale, THIENE
23 Febbraio Gran Teatro Geox, PADOVA
24 Febbraio Teatro Ermete Novelli, RIMINI
25 Febbraio – 26 Febbraio Teatro Dante Alighieri, RAVENNA
28 Febbraio Teatro Camploy, VERONA
29 Febbraio Creberg Teatro Bergamo, BERGAMO
2 Marzo Teatro del Carmine, TEMPIO PAUSANIA (OT)
3 Marzo Teatro Verdi, SASSARI
4 Marzo Teatro Eliseo, NUORO
5 Marzo Teatro Centrale, CARBONIA
6 Marzo – 7 Marzo Teatro Massimo, CAGLIARI
10 Marzo Teatro Tito Marrone, TRAPANI
11 Marzo Teatro Dante Alighieri, PALERMO
12 Marzo Teatro Metropolitan, CATANIA


DAVID PARSONS

David Parsons, può essere considerato uno dei massimi esponenti della post-modern dance americana.

Originario di Rockford (Illinois) e cresciuto a Kansas City ed ha avuto come primi insegnanti Cliff Kirwin e Paul Chambers, allievi di Hanya Holm.

Nel 1978 è entrato a far parte della compagnia di Paul Taylor. La lezione del maestro è stata essenziale per la sua crescita creativa ma Parsons è riuscito ben presto a conquistare un suo stile, una personale mescolanza di fisicità, umorismo e tecnologia, cui hanno contribuito anche le esperienze con Pilobolus, Momix e White Oak Dance Project fondato da Mikhail Baryshnikov
Il desiderio di creatività, di sperimentazione tra danza, musica e luci hanno spinto Parsons a fondare la propria compagnia, improntata all’idea che un lavoro di valore debba in ogni modo essere comunicabile, accessibile al pubblico.
Come direttore artistico della Parsons Dance David Parsons ha creato più di 70 coreografie, alcune delle quali commissionate da grandi nomi quali Jacob Pillow Dance Festival, Festival di Spoleto, Umbria Jazz Festival, Krannert Center for the Performing Arts, National Arts Centre di Ottawa, Het Muziektheater e l’American Dance Festival.

Parsons ha creato nuovi pezzi per Paul Taylor Dance Company, American Ballet Theater, New York City Ballet, National Ballet of Canada . Tra le compagnie di danza che hanno messo in scena sue coreografie: Opera di Parigi, Netherlands Dance Theater, English National Ballet, Ballet National de Nancy, Hubbard Street Dance di Chicago, BatSheva Dance Company of Israel.
David Parsons ha coreografato e diretto le danze per i festeggiamenti del Nuovo Millennio a Time Square .; nel 2000 ha ricevuto il premio di “Dance Magazine”.
Durante il 2001 è stato direttore e coreografo di AEROS, uno spettacolo con protagonisti i ginnasti della Federazione Rumena di Ginnastica Artistica, Ritmica ed Aerobica. AEROS è stato in tournée negli Stati Uniti dal 2001 al 2003 e nel 2004 ha debuttato con grande successo in Italia.
David Parsons ha sempre avuto un rapporto privilegiato con l’Italia: nel 2006 ha realizzato alcune coreografie per la cerimonia di chiusura delle Paraolimpiadi di Torino , nel 2007 è stato chiamato per coreografare momenti di spettacolo della serata di apertura della 57° edizione del Festival di Sanremo. A luglio dello stesso anno la Fondazione Arena di Verona gli ha affidato le coreografie per l’opera Aida di Giuseppe Verdi, con la regia di Gianpiero Solari.
Nel corso della stagione 2007-2008, David Parsons ha realizzato le coreografie del musical “HAIR”, di James Rado e Jerome Ragni, con la regia di Giampiero Solari e la direzione musicale di Elisa.

ARTISTIC DIRECTOR
DAVID PARSONS

EXECUTIVE DIRECTOR
DAVID HARRISON

ASSOCIATE ARTISTIC DIRECTOR
ELIZABETH KOEPPEN
DANCERS
ERIC BOURNE
SARAH BRAVERMAN
MELISSA ULLOM
STEVEN VAUGHN
CHRISTINA ILISIJE
JASON MACDONALD
IAN SPRING
ELENA D’AMARIO

Stage manager: Rebecca Josue
Lighting supervisor:Christopher Chambers

Biografie Cast

Eric Bourne (Ballerino) è nato nel Midland, MI. Inizia a studiare danza al Dean/Black SPA e successivamente alla Ryerson University – Performance Dance BFA. Mentre frequenta la scuola a Toronto, Eric ha il privilegio di studiare e di lavorare con Nadia Potts, Vicky St. Denys, Christopher House, Patricia Beatty, and D.A. Hoskins. Durante le sue estati studia al Perry-Mansfield Summer Dance Program e lavora con Linda Kent, Nicolas Villeneuve, Johan Renvall e Kristopher Storey e molti altri. Dopo essersi esibito con l’NYC, ha interpretato il ruolo di James con il Twyla Tharp/Billy Joel nel musical Movin’ Out, partecipando nella stagione 2007-2008, e attualmente, ad un tour internazionale. Entra a far parte della Parsons Dance nell’agosto del 2008.

Sarah Braverman (Ballerina) è nata a Chicago e cresciuta in California. Studia per molto tempo presso la Royal Academy of Dance, sotto la direzione di Joanna Jarvis e Bernadette Hill, superando a pieni voti tutti gli esami, fino al livello “advanced II”. Nel 2006, diventa membro fondatore della compagnia stabile di danza moderna AM Dance Project di NYC. Nel 2008, Sarah si laurea cum laude presso il Marymount Manhattan College in 2008 sotto la direzione di Katie Langan e ha l’onore di interpretare la coreografie di David Marquez, Robert Battle, David Parsons, Graham Lustig, Stephen Petronio e Joao Carvallo. Nel 2008 entra a far parte della Parsons Dance.

Melissa Ullom (Ballerina) proviene da Santa Barbara, CA. Si è formata presso la Houston Ballet Academy e la Lou Conte Dance Center/Hubbard Street Dance di Chicago. Come ballerina professionista lavora con lo Houston Ballet, Houston Grande Opera, Company C Contemporary Ballet, Inaside Chicago Dance, and Santa Barbara Dance Theatre. Melissa consegue una laurea con il massimo dei voti presso l’Università della California, Santa Barbara in Storia dell’arte, e una seconda in Scienze motorie. Ottiene una certificazione completa di Pilates dalla Body Arts and Science International. Si unisce alla Parsons Dance nel 2009.

Steven Vaughn (Ballerino) nasce a Iowa City, è cresce studiando danza per tutto il Midwest ed il Massachusetts; nel maggio 2009 si laurea presso University of the Arts con un BFA in Modern Dance. Presso l’Uarts di Philadelphia ha interpretato coreografie di Silvanna Cardell, Martha Graham, Twyla Tharp, e rappresentato sue coreografie. Ha avuto il privilegio di lavorare con la Diane Sharp-Nachsin’ s SHARP Dance Company, Scott Jovovich al Brandywine Ballet Theater, Jade Arts Initiative e Brian Sanders’ JUNK. Steven si è unito alla Parsons Dance nel 2008 come allievo ed è diventato un membro ufficiale della Compagnia nell’agosto del 2009.

Christina Ilisije (Ballerina) si laurea nel 2007 summa presso il Marymount Manhattan College con un B.F.A. in danza. Alla sua coreografia, Naked Branches, è conferito l’Alpha Chi awards. Dopo il diploma entra a far parte della compagnia Buglisi Dance Theatre dove si esibisce e si forma allo stesso tempo. Christina si esibisce anche con la Maxine Steinman & Dancers e come artista ospite con la Take Dance e la Shen Wei Dance Arts. Sul suo blog, www.living-dance.com, scrive delle sue passioni. Christina entra a far parte della Parsons Dance nel 2010.

Jason MacDonald (Ballerino), nasce ad Orlando e inizia la sua formazione con Melissa Stokes e più tardi con Alberto Alonso e Sonia Calero al Santa Fe College. Si esibisce con la New York City Opera e l’Alabama Ballet Company sotto la direzione artistica di Wes Chapman. Il suo repertorio comprende Cenerentola, Don Chisciotte, Firebird, lo Schiaccianoci e Serenade di George Balanchine.
Consegue la laurea con una B.F.A. in danza e un B.S. in finanza alla The Florida State University.
Jason si unisce alla Parsons Dance ad agosto 2010.

Ian Spring (Ballerino) originario di Middletown, OH, inizia la sua formazione sotto la direzione di Phyllis DeWeese-Morgan. Dopo il diploma di scuola superiore Ian frequenta la Point Park University di Pittsburgh. Mentre frequenta la Point Park University, ha l’onore di eseguire pezzi di Robert Battle, Martha Graham e Kate Skarpetowska. Ian si laurea summa cum laude con un B.A. in danza. Dopo la laurea Ian lavora con la Dayton Contemporary Dance Company 2. Ian diventa membro della Parsons Dance ad agosto 2010.

Elena D’Amario (ballerina) è nata a Pescara. Studia danza moderna, classica, contemporanea e tip tap in varie scuole in tutta Italia. Nel corso degli anni vince diversi festival e concorsi tra cui il Pescara Dance Festival, l’International Expression Dance Competition nel 2008 e lo spettacolo TipTap nel 2007 e nel 2009. Inoltre, Elena prende parte a vari programmi televisivi tra cui “Fotocamera Smile”, “Il ballo delle debuttanti” e “uno x Tutti”.
La partecipazione alla trasmissione “Amici di Maria De Filippi 9” le fornisce l’opportunità di esibirsi come ballerina apprendista con la Parsons Dance nella stagione 2010-2011. Ad agosto 2011 Elena diviene membro ufficiale della compagnia.

Programma e Cast sono soggetti a cambiamenti

ITALY PROGRAM 2012

ROUND MY WORLD
2012
Prima Europea

Choreography by David Parsons
Lighting Design by Howell Binkley
Music by Zoe Keating, “Arrival”, “Walking Man”, “We Insist”, “Legions (Reverie)”
Costume Design by Emily DeAngelis

L’ultima creazione di David Parsons mostra una stupefacente varietà di forme e immagini che evidenziano come la globalizzazione e l’informatizzazione stiano rendendo il mondo un luogo sempre più piccolo.
La musica di un violoncello solista è digitalizzata dal musicista/compositore Zoe Keating.

HAND DANCE
2003
Choreography by David Parsons
Lighting Design by Howell Binkley
Original Music by Kenji Bunch
Costume Design by David Parsons

Questo pezzo giocoso, accompagnato dal ritmo vibrante della musica di Kenji Bunch, ha come protagonista dieci “mani” che decidono di animarsi. Attraverso la gestualità e l’uso della tecnica del mimo, cinque danzatori riescono a creare un’infinita varietà di immagini altamente evocative, dall’afferrare e dare forma ai pistoni di una locomotiva, a suonare un violoncello nell’aria. Fantasioso e divertente, Hand Dance è sempre acclamato dal pubblico.

SWING SHIFT
2002
Choreography by David Parsons
Lighting Design by Howell Binkley
Original Music by Kenji Bunch
Costume Design by Mia McSwain

È basato sul tango e su danze popolari ad esso vicine. Ma David Parsons sa perfettamente come trarre i più puri e autentici risultati dai suoi ballerini, indipendentemente dagli stili che egli individua. Così, “Swing Shift” potrebbe benissimo rievocare vari idiomi della danza popolare e contemporaneamente risultare un pezzo attualissimo. La coreografia è costruita su quattro coppie e culmina in due bellissimi assolo femminili. Il finale, accelerando i passi negli ultimi minuti, avvicina il pezzo al classico repertorio di Parsons.
La musica è di Kenji Bunch; Tra gli altri, ha composto su commissione per l’English Chamber Orchestra, il St. Luke’s Chamber Ensemble, il New Juillard Ensemble e l’Ahn Trio.

CAUGHT
1982

Choreography by David Parsons
Lighting Concept by David Parsons
Lighting Design by Howell Binkley
Music by Robert Fripp, “Let The Power Fall”
Costume Design by Judy Wirkula

Sicuramente il pezzo più famoso dell’intero repertorio della Compagnia, è stato creato da Parsons per se stesso nel 1982. Grazie all’uso delle luci stroboscopiche, il ballerino è catturato al culmine di salti ed evoluzioni che lo fanno apparire continuamente sospeso in aria in un gioco di luci e di sorprendente atleticità.
La musica è di Robert Fripp (1946), chitarrista e fondatore dello storico gruppo rock inglese King Crimson, d’orientamento progressivo e sperimentale.
Caught è stata definita dalla critica “una delle più grandi coreografie degli ultimi tempi”.

NASCIMENTO
1990

Choreography by David Parsons
Lighting Design by Howell Binkley
Music by Milton Nascimento
Costume Design by Santo Loquasto

ERIC BOURNE SARAH BRAVERMAN MELISSA ULLOM STEVEN VAUGHN CHRISTINA ILISIJE JASON MACDONALD IAN SPRING ELENA D’AMARIO

Questo lavoro è stato commissionato dal Festival in the Sun alla University of Arizona a Tucson. Un ringraziamento speciale a Milton Nascimento, che compose questa partitura come regalo per la compagnia e A. Alexandra Jupin, direttore esecutivo del Festival in the Sun.
Programma e Cast sono soggetti a cambiamenti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche