Ancora morti in Ucraina, liberati gli osservatori dell’Osce COMMENTA  

Ancora morti in Ucraina, liberati gli osservatori dell’Osce COMMENTA  

guerra

La guerra nell’Est Ucraina prosegue. Dall’alba le truppe sono in azione nei pressi di Kramatorsk. Intanto proprio a Sloviansk sono state liberati gli osservatori dell’Osce, che erano tenuti in ostaggio da alcuni giorni. Nella notte si sono registrate oltre 10 vittime tra i civili del vicino villaggio di Andreievka che tentavano di bloccare un corteo di auto delle forze ucraine.

“Ci sono anche 40 feriti”, ha dichiarato Viaceslav Ponomariov, autoproclamato sindaco di Sloviansk. La situazione è precipitata ieri, quando il governo di Kiev ha lanciato un’offensiva a Est: cinquanta morti in un giorno, incluse le 38 persone che sono morte in un incendio a Odessa, dove la polizia ha arrestato 130 persone.

Kiev ha lanciato quella che definisce un’operazione “antiterrorismo” contro i separatisti filorussi del sud-est. Duri scontri anche a sud, a Odessa, dove la polizia non è riuscita a placare alcune centinaia di filorussi e 1500 manifestanti a favore dell’unità ucraina.

Leggi anche

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*