Anni ’90: le 29 cose che non usiamo più

Tecnologia

Anni ’90: le 29 cose che non usiamo più

Anni '90
Telefono pubblico arancione

Ecco 29 cose tecnologiche degli Anni ’90 che non usiamo più, come telefoni pubblici ai gettoni, schede telefoniche, macchine fotografiche, fotocamere, flipper e videocassette.

TELEFONI PUBBLICI

Gli smartphone: ci hanno fatto dimenticare che negli Anni ’90 esistevano i telefoni pubblici?

Telefonini

Questi sono una delle 29 cose che non usiamo più, come magari i telefoni fissi. Sempre a proposito di cellulari oggi esistono i piani tariffari, che ci hanno fatto accantonare la scheda telefonica con credito in lire; e che dire degli “angoscianti” gettoni, che rischiavano di “finire” prima che avessimo terminato la chiamata? I cellulari oltretutto sono sempre più sofisticati e per i videogiochi usiamo quelli. Inoltre possiamo usarli anche per raccogliere i documenti, al posto delle normali e-mail.

PC, MACCHINE FOTOGRAFICHE E TV

Modem

Dei problemi tecnologici degli Anni ’90 ricorderemo quelli col modem (foto sopra), mentre oggi la navigazione in Internet è più veloce, sempre possibile e “non fa rumore”; vent’anni fa c’era anche la fotocamera, non il tormentone dei “selfie”: c’era ovviamente la possibilità di scattarci da soli una foto, ma dovevamo centrare l’obiettivo; poi, naturalmente, bisognava andare dal fotografo a sviluppare il rullino – dopo 24-36/ 48 foto – e chissà quando le nostre foto erano pronte.

Oggi neanche la Polaroid è pratica. Per quanto riguarda le videoriprese, poi, ora pure le videocamere sono quasi del tutto cadute in disuso.

VIDEOCASSETTE, VIDEOREGISTRATORI E GIOCHI

E che dire delle care, vecchie, videocassette e dunque i cari, vecchi videoregistratori?

Vecchie videocassette

Oggi, invece, ci sono i DVD o app che permettono di vedere film anche su uno schermo molto piccolo. Ricordiamo poi i flipper e le sale giochi? Forse esistono ancora? A proposito di giochi possiamo anche ricordare i cruciverba e i rompicapi.

CARTOLINE, LETTERE FRANCOBOLLI E ALTRO

Ormai è difficile trovare cartoline per scrivere ad amici e parenti in vacanza: adesso ci sono gli SMS e la condivisione delle foto; idem non si usano più lettere e francobolli e c’è chi li rimpiange.

cartolina

Ancora: negli Anni ’90 avevamo modi diversi per ascoltare musica in giro: avevano radioline con cuffie rigide – schiacciavamo “PLAY” e via – , poi dal 1998 il lettore MP3 e poi ancora nel 2000 è arrivato il primo cellulare capace di caricare e riprodurre MP3.

Quindi addio musicassette e compact disc.

La tecnologia si è talmente evoluta che, come sappiamo, possiamo vedere per esempio le partite di calcio sul web e con particolari app. Non ci sono “più” le pile, ma prese elettriche USB.

CALCOLATRICI, AGENDA ELETTRONICA, CARTINE, DIZIONARI

Ancora: come dimenticare le calcolatrici e l’agenda elettronica con la rubrica dei numeri telefonici? Per non parlare di normalissime penne, che ci sono ancora, ovviamente, ma sono sempre meno usate.

Penne colorate

Per orientarsi, non esistono più le “cartine”; a volte si può anche fare a meno delle chiavi della macchina: c’è un’app apposta. Inoltre gli smartphone possono fare le veci dei dizionari o dei testi di conversazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche