Ansia: a soffrirne di più sono le donne

Ansia: a soffrirne di più sono le donne

Attualità

Ansia: a soffrirne di più sono le donne

ansia

Ansia, ne soffrono sopprattutto le donne. Lo rivela un nuovo studio dell’università di Cambridge. Famiglia e lavoro le cause principali.

E’ quasi un luogo comune il fatto che le donne siano multitasking e che riescono ad approcciarsi meglio agli altri. Queste doti – se così vogliamo chiamarle – hanno una controparte negativa. Uno studio dell’università di Cambridge ha, infatti, stabilito che sono proprio le donne a soffrire maggiormente d’ansia.

Secondo il gruppo di ricerca di Cambridge, preoccuparsi troppo, evitare situazioni potenzialmente stressanti, avere un gran numero di rapporti sociali, occuparsi della famiglia e al contempo della propria carriera sono comportamenti che si presentano in percentuale maggiore nelle donne.

Occuparsi di tutte queste “faccende” crea però un forte stress e una condizione di instabilità tale da rendere quasi impossibile condurre una vita tranquilla. Non è un caso che l’aggettivo “nevrotico” sia associato per lo più alla percentuale femminile della popolazione mondiale.

Questi dati, raccolti tra il 1990 e il 2010, hanno portato alla luce una sconvolgente verità.

A soffrire maggiormente di attacchi di panico e di ansia sono proprio le donne e a scatenarli è proprio il tenore di vita che conducono. Quando poi si aggiunge la responsabilità di un’altra vita, uno o più figli, le cose si complicano ulteriormente.

La percentuale di donne affette d’ansia subito dopo la gravidanza, infatti, aumenta in modo esponenziale. Anche l’essere “nate donne” contribuisce a questa tendenza. Ci sono, infatti, alcuni fenomeni fisiologici e genetici che aumentano i rischi di insorgenza dell’ansia e di patologie simili. Basta un esempio: le fluttuazioni dei livelli ormonali cui sono soggette le donne condiziona l’equilibrio dei neurotrasmettitori e di altri circuiti fisiologici destabilizzando in generale il comportamento.

Ma non è finita qui. Lo studio sull’ansia portato avanti dall’Università di Cambridge ha preso come campione donne provenienti da diversi continenti. Il confronto tra i soggetti ha dimostrato che il maggior numero di soggetti affetti da questo disturbo si trovano in Europa Occidentale e in Nord America.

Insomma, le donne italiane sono sicuramente nella top ten dei soggetti più colpiti da crisi di panico e disturbi simili. Tra le cause scatenanti ci sono sicuramente le precarie condizioni lavorative ed economiche cui verso il nostro paese.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Enrica Marrelli 442 Articoli
Laureata in Teoria della Comunicazione e Comunicazione Pubblica presso l'Università della Calabria. Amo la lettura ma mi appassiona anche il grande e il piccolo schermo.
Contact: Facebook