Antibiotici che provocano il distacco della retina: la lista nera pubblicata COMMENTA  

Antibiotici che provocano il distacco della retina: la lista nera pubblicata COMMENTA  

 Alcune tipologie di antibiotici possono causare il distacco della retina.  Lo studio, pubblicato dal Journal of American Medical Association, elenca i farmaci sotto accusa: i fluorochinoloni che includono la ciprofloxacina e la levofloxacina.

“Sappiamo che questi farmaci sono tossici per il tessuto connettivo della cartilagine”, ha detto Mahyar Etminan, autore principale dello studio promosso dal Child and Family Research Institute of British Columbia di Vancouver.

“Ricerche precedenti collegano, inoltre, i fluorochinoloni ai danni ai tendini della spalla”, ha aggiunto. Si tratta di effetti collaterali gravi. Il distacco della retina infatti inizia con la comparsa di linee o punti sull’occhio ma puo’ arrivare a causare cecita’ permanente se non e’ trattato chirurgicamente in pochi giorni.

Per arrivare a queste conclusioni Etminan e i suoi colleghi hanno utilizzato dati provenienti dai registri dei trattamenti oculistici del British Columbia somministrati dal 2000 al 2007.

Un totale di quasi un milione di pazienti che comprendeva circa 4.400 persone con diagnosi di distacco di retina con una media di eta’ di 61 anni.

L'articolo prosegue subito dopo

Dall’indagine e’ emerso che uno ogni 30 pazienti con distacco di retina stava prendendo un  fluorochinolone al momento della diagnosi, in particolare la ciprofloxacina. “La spiegazione piu’ probabile e’ che gli antibiotici danneggino le fibre e il tessuto connettivo degli occhi, attaccando il corpo vitreo e la retina”, hanno concluso i ricercatori .

Leggi anche

About Chiara Cichero 954 Articoli
Mamma, laureata, scrittrice incallita, ambientalista da una vita, esperta in Pnl, in comunicazione di massa e nel benessere emotivo. Maremmana per amore di questa terra tanto rigogliosa, fiorentina di nascita e di formazione. Blogger e redattrice on line, attualmente studentessa in Seo Web Marketing Specialist.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*