Antibiotico sì, antibiotico no - Notizie.it

Antibiotico sì, antibiotico no

Guide

Antibiotico sì, antibiotico no

Starnuti, naso chiuso e mal di gola sono segni di un raffreddore. Grandi dolori, stanchezza, febbre e mal di testa sono sintomi di un’influenza.

Gli antibiotici spesso non sono in grado di curare le infezioni virali come il raffreddore, il mal di gola, la tosse, l’influenza o la maggior parte delle bronchiti. Se si prendono degli antibiotici quando si ha una infezione virale, si aumenta il rischio di contrarre una infezione in seguito che può resistere al trattamento antibiotico. L’uso improprio degli antibiotici favorisce lo sviluppo dei batteri resistenti agli antibiotici.

Gli antibiotici sono farmaci che combattono le infezioni causate dai batteri. Dal 1940, gli antibiotici hanno trattato con successo le malattie e ridotto la morte causata da malattie infettive. I batteri ora sono diventati più resistenti agli antibiotici. Se si prendono gli antibiotici quando non sono necessari, si hanno maggiori probabilità di portare germi resistenti nel naso e nella bocca e gli antibiotici comuni non uccidono questi germi.

Di conseguenza potrebbero essere necessari antibiotici più costosi, antibiotici per iniezione o addirittura il ricovero in ospedale.

Quando chiamare il medico

  1. I sintomi peggiorano.
  2. Si inizia a sentirsi meglio, ma poi si sviluppano segni come vomito, febbre alta, dolore al petto, tosse, muco giallo-verde, mal di stomaco o affanno.
  3. I sintomi durano a lungo.

Cosa si può fare

  1. Limitare la diffusione di infezioni virali lavandosi frequentemente le mani ed evitare di stare a stretto contatto con altre persone.
  2. Parlare col medico della resistenza agli antibiotici.
  3. Se il medico suggerisce che l’antibiotico non sarà utile per curare la vostra malattia, ascoltate il suo consiglio.
  4. Assumere l’antibiotico nelle dosi prescritte dal medico. Assicurarsi di completare il ciclo di antibiotici, in caso contrario si darà la possibilità al batterio nocivo di crescere più forte e si aumentano i rischi di acquisire una infezione più grave. Non saltare le dosi.
  5. Mai prendere un antibiotico che è stato prescritto per un’altra persona.


Ricordatevi che un raffreddore dura in genere da un paio di giorni a una settimana, mentre l’influenza può durare per diverse settimane.

Mentre si è malati, è consigliato molto riposo, bere molti liquidi e usare un umidificatore che aumenti l’umidità nella vostra camera.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*