Anticipi Serie A: la Lazio beffa il Lecce, colpo Genoa a Siena

Calcio

Anticipi Serie A: la Lazio beffa il Lecce, colpo Genoa a Siena

Continua a viaggiare a media-scudetto la Lazio versione trasferta, ma che sfortuna per il Lecce e Cosmi. Comincia male, ma solo dal punto di vista del risultato, l’avventura del tecnico perugino sulla panchina dei giallorossi: i salentini si arrendono ai colpi di classe di Klose, tornato al gol dopo quattro giornate. I biancocelesti vincono la quinta partita su sette lontano dall’Olimpico (i due pareggi sono arrivati contro Milan e Napoli…) portandosi momentaneamente in seconda posizione ma non brillano certo dal punto di vista del gioco. Manovra troppo lenta a centrocampo, e difesa impacciata davanti alla velocità del tridente leccese. Come al 12’, quando Di Michele si presenta solo davanti a Marchetti che lo stende: dal dischetto trasforma lo stesso ex torinista, e la Lazio sbanda. Muriel fallisce due comode occasioni ed al 28’, al primo tentativo, arriva il pari: angolo di Ledesma, sponda di Diakitè e Klose supera Benussi di testa.

Ma è solo una parentesi perché è sempre il Lecce a fare la partita, almeno fino all’intervallo. La ripresa si apre con l’ingresso di Cissè per Rocchi e Cana per Biava: entrambi subito protagonisti. Il francese è bravissimo a servire nello spazio l’albanese che penetra in area e sigla il primo gol italiano. Cosmi non si capacita, ma il peggio deve arrivare: in pochi minuti si fanno male Tomovic ed il suo sostituto Giandonato (nel pre-gara infortunio per Tomovic), Grossmuller s’inventa centrale. Ma è proprio l’ultimo difensore rimasto, Ferrario, a siglare il pareggio di testa al 54’. La Lazio torna in apnea e deve pure rinunciare a Marchetti (stiramento?): Di Michele calibra male il pallonetto del sorpasso ma a tre dalla fine altro assist di Cissè per Klose che si eleva tra tre avversari e batte imparabilmente Benussi. Ennesima sconfitta interna per il Lecce, ma Cosmi prova a pensare positivo.

Lecce-Lazio 2-3
Marcatori: 12’ rig.

Di Michele; 28’, 87’ Klose; 47’ Cana; 54’ Ferrario
Lecce: Benassi; Oddo, Tomovic (46′ Giandonato; 56′ Grossmuller), Ferrario, Mesbah; Obodo, Giacomazzi; Cuadrado, Di Michele, Olivera; Muriel (81′ Piatti). (Julio Sergio, Brivio, Corvia, Pasquato). All.: S. Cosmi.
Lazio: Marchetti (61′ Carrizo); Stankevicius, Diakitè, Biava (46′ Cana), Radu; A. Gonzalez, Ledesma, Lulic; Hernanes; Klose, Rocchi (46′ Cissè). (Cavanda, Scaloni, Sculli, Kozak). All.: E. Reja.
Arbitro: Russo (Nola)
Ammoniti: Marchetti, Olivera, Cana, Hernanes e Giacomazzi.

Era vietato perdere, ed il cerino della crisi ora rimane nelle mani del Siena. Terza sconfitta consecutiva, quarta nelle ultime cinque partite, per i bianconeri, a secco di reti da 272’: al Franchi passa anche il Genoa, che viceversa scaccia gli spettri in attesa del recupero di mercoledì contro l’Inter. Seconda vittoria in trasferta per Malesani, ma il Grifone ottiene il massimo con il minimo sforzo e deve ringraziare l’ex Mattia Destro, che al 60’ fallisce incredibilmente il gol del pareggio, calciando sulla traversa a porta vuota (eccesso di sicurezza?).

Partita tutt’altro che spettacolare, soprattutto nel primo tempo in cui si ricordano solo due colpi di testa di poco a lato di Granqvist e Calaiò. Nella ripresa si muove qualcosa, sembra essere il Siena la squadra più ispirata ma i toscani vengono traditi dal primo errore stagionale di Brkic: il portiere serbo non trattiene un morbido cross di Constant dalla sinistra, si scontra con Terzi e lascia via libera all’accorrente Marco Rossi, che sblocca il risultato. Il Siena reagisce con orgoglio, cuore ed anche un po’ di gioco ma Destro si mangia il pareggio. Genoa insidioso in contropiede, Sannino prova anche il tridente ma l’attacco del Siena, il secondo peggiore del campionato, è troppo spuntato. Al 93’ c’è gloria anche per Palacio, che in contropiede fa 2-0 tornando al gol che mancava dalla 9° giornata.

Siena-Genoa 0-2
Marcatori: 52’ M. Rossi; 93’ Palacio
Siena: Brkic; R. Vitiello, Contini, Terzi, Del Grosso (59′ A.

Rossi); Grossi (65′ Mannini), D’Agostino (75′ Larrondo), Gazzi, Brienza; Calaiò, Destro. (Pegolo, Rossettini, Bolzoni, Reginaldo). All.: G. Sannino.
Genoa: S. Frey; Mesto, Dainelli, Granqvist, Moretti (72′ Jankovic); M. Rossi, Veloso (58′ Seymour), Constant; Merkel; Ze Eduardo (55′ Pratto), Palacio. (Lupatelli, Marchiori, Jorquera, Caracciolo). All.: A. Malesani.
Arbitro: Guida (Torre Annunziata)
Ammoniti: Ze Eduardo, Contini, Gazzi, A. Rossi, Constant e Brienza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche