Antico papiro fa riferimento alla moglie di Gesù Cristo COMMENTA  

Antico papiro fa riferimento alla moglie di Gesù Cristo COMMENTA  

moglie-di-gesu-638x425

Il brandello di papiro donato da un anonimo nel 2011 ad un docente di una prestigiosa università di Boston, Karen King, è stato sottoposto a rigorose indagini scientifiche che hanno rivelato la sua reale appartenenza al passato. Insomma, è stato fugato ogni dubbio che possa trattarsi di un falso di età moderna. Il frammento, dalle dimensioni ridottissime, risalirebbe ad un periodo di tempo compreso tra il VI e il IX secolo.


Il suo contenuto testuale, però, potrebbe risalire appartenere ad un tempo ancora più antico. Il testo è stato interpretato dai più come un esplicito riferimento alla moglie di Gesù Cristo. Nel papiro infatti si citerebbe un eventuale matrimonio di Gesù, poiché la frase testuale è: “Gesù disse loro: mia moglie”.


Il testo del papiro, in lingua copta, potrebbe essere stato scritto tra il II e il IV secolo, a detta degli studiosi che lo hanno esaminato.

Certo, questo elemento è troppo esiguo per fornire interpretazioni esaustive su una possibile esistenza “umana” di Cristo e di un suo eventuale legame matrimoniale. Ciò che emerge chiaramente però, è che ai tempi di Gesù era concesso alle mogli e le madri di essere discepole del Messia.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*