Antonina, vittima di un amore diventato odio: l'ex la uccide e si dà fuoco - Notizie.it

Antonina, vittima di un amore diventato odio: l’ex la uccide e si dà fuoco

Cronaca

Antonina, vittima di un amore diventato odio: l’ex la uccide e si dà fuoco

20120703-094326.jpg

San Donato Milanese (Mi) – La storia di Antonina Mieli è simile a quella di tante, troppe donne. Donne vittime di uomini padrone. Donne vittime di uomini che pensano di poter disporre della vita e della morte di chi si dice di amare. Donne oggetto e nulla più. C’è un modo di dire che dovrebbe sparire dal nostro linguaggio: “la mia donna”. Un modo di dire che ha in sé il germe della possessione. È qualcosa di ben diverso dal dire “è mia moglie”, “é la mia fidanzata”. Antonina aveva 26 anni, ieri il suo cuore ha cessato di battere per mano di chi quel cuore, invece, avrebbe dovuto farlo battere, forte. Antonia è stata uccisa dal suo ex, Francesco Di Graci, 34 anni. La loro storia era finita e visto quanto ha fatto quell’uomo, c’è da meravigliarsi che abbia durato fino a ieri. Antonina, ieri pomeriggio, è tornata nella casa dove conviveva con l’ex, in via Giovanni Di Vittorio 28.

Doveva prendere le sue ultime cose, con lei c’era una collega. Francesco l’aspettava, la sua decisione l’aveva già presa, sapeva come sarebbe andata a finire. Se Antonina non poteva essere sua non poteva esserlo di nessun altro. Quando la ragazza ha bussato alla porta, Francesco ha aperto, ha spinto fuori l’amica di Antonina e ha chiuso la porta a chiave. Poi urla disperate, urla di terrore. “Aiuto, vuole uccidermi”. L’amica di Antonina ha avvertito una vicina, entrambe, uscite fuori hanno fermato una pattuglia dei carabinieri. Antonina è riuscita a lanciarsi da una finestra, ha percorso alcuni metri nel cortile poi, è stramazzata al suolo, in una pozza di sangue, uccisa da una serie di coltellate. Francesco porta a compimento il suo folle piano. Illudendosi, forse, di passare l’eternità con Antonina, si cosparge di benzina e si da fuoco.

Vincenzo Borriello

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche