ANTONIO BARRESI COMMENTA  

ANTONIO BARRESI COMMENTA  

 

 

 

Dopo l’uscita del cd “Discrasie”, pubblicato da “Teorema”, il poliedrico autore e musicista, Antonio Barresi, è pronto con nuove date live su tutto il territorio nazionale. Sono stati unanimi i consensi di critica e pubblico ricevuti per il felice, innovativo ed originale mix tra world music, elettronica e jazz, con echi cantautorali e progressive che ne fanno un progetto unico nel panorama nazionale, ottenuti con l’uscita del primo cd, trainato dal videoclip del brano “Rapsodiatic”. Oggi, il collettivo musicale Barresi Project torna sulle scene, forte di quei consensi, con il suo nuovo singolo, insieme all’uscita di un altro inedito videoclip legato al singolo intitolato “La Vecchia”, che appena uscito è 

già entrato tra i Top 100 della Indie Music Like e sarà presentato ufficialmente mercoledì 29 febbraio all’XM24 di Bologna alle ore 20 e 30, che vede tra le guest star video il mitico Roberto Freak Antoni, per poi partire per un lungo tour che parte il 2 marzo con tre tappe a Roma.

 
Nel nuovo singolo del Barresi Project , la cultura popolare dei testi , e la world-music, rappresentata dalla tipica tarantella lucana, incontrano gli esperimenti sull’elettronica di ultima generazione.

Il brano è costruito su un sound electro dubstep che accoglie strumenti tipicamente etnici come ciaramella lucana e tamburello oltre al flauto traverso.
Tutto è riferito alla linea concettuale del brano e del suo testo, in cui la tradizione e la musica popolare ( rappresentate in video dal maiale portato in orbita ) vengono, come le vecchie generazioni , accompagnate nel prossimo futuro dalle nuove generazioni, rappresentate musicalmente a loro volta dai Suoni electro e dall’utilizzo di strumenti apparentemente non conciliabili all’interno della stessa composizione. Il videoclip assolutamente unico e straordinario vede la presenza come guest del mitico Roberto Freak Antoni.
Un invito all’ascolto rivolto ai ricercatori dei nuo vi generi cantautorali e linguaggi strumentali.

 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*