Ape Maia hot, Netflix cancella un episodio dopo l’accusa di una madre: “C’è un pene sull’albero”

Gossip e TV

Ape Maia hot, Netflix cancella un episodio dopo l’accusa di una madre: “C’è un pene sull’albero”

Ape Maia
Ape Maia hot, Netflix cancella un episodio dopo l'accusa di una madre: “C’è un pene sull’albero”

Netflix ha rimosso un episodio della serie animata Ape Maia dopo la segnalazione di una madre che ha notato il disegno di un pene sullo sfondo di una scena.

Un pomeriggio a luci rosse per i bambini che su Netflix guardavano un episodio del cartone animato Ape Maia. In realtà ad accorgersi della deriva hot presa dal tenero programma, è stata una madre, attentissima. La donna ha notato il disegno di un pene sullo sfondo di una scena.

A quanto raccontato, la donna, Chey Robinson, stava guardando l’episodio 35 della prima stagione della serie in onda su Netflix, quando ha notato qualcosa di strano disegnato su un albero sullo sfondo.

“Per favore, state attenti a quello che guardano i vostri bambini! Non ho modificato le immagini in alcun modo, questa è L’Ape Maia, Stagione 1, Episodio 35. Non so se volessero realmente disegnare un pene – ha commentato la donna -. Ma non ci sono ragioni per cui questo disegno debba comparire in un cartone per bambini.”. La donna si è sentita turbata dall’immagine, ma molti utenti Facebook l’hanno criticata per aver ingigantito la questione.

La serie di animazione fa parte dell’offerta di Netflix che ha provveduto a rimuovere l’episodio.

La nuova serie de L’Ape Maia, realizzata in computer grafica, è realizzata dallo studio belga Studio 100 Animation e distribuita dagli spagnoli della Planet Junior.

Il suo debutto è datato 2012, quando si celebrò il centenario della nascita della simpatica ape. Il disegno non proprio adatto ai bambini è quindi in giro da ben cinque anni.

La storia de L’ape Maia

L’ape Maia è un anime per bambini (kodomo), co-prodotto nel 1975 dalla giapponese Zuiyo Eizo e dall’austro-tedesca Apollo Film, tratto dal romanzo L’Ape Maia dello scrittore tedesco Waldemar Bonsels. Nel 1980 l’anime arrivò anche in Italia e venne trasmesso su Rai 2, riscuotendo un enorme successo; nei primi anni ottanta è passato anche su Canale 5, e successivamente su JuniorTv, Cinquestelle e Italia 1.

La trama

Dopo la nascita, Maia, una piccola ape dai capelli ricci e biondi, verrà affidata alle cure di un’ape adulta, Cassandra. Essendo molto curiosa Maia si allontana dall’alveare e inizia a scoprire il mondo a modo suo in compagnia del suo migliore amico Willi, un piccolo fuco.

I due amici inseparabili visiteranno posti nuovi e magnifici, con l’aiuto di altri animaletti tra cui Flip e Alessandro, una cavalletta e un topo che li aiutano sempre, Kurt lo scarafaggio, Tecla il ragno, Max il lombrico, Puck la mosca e le varie formiche.

Il romanzo da cui è tratto il cartone animato

Il romanzo L’Ape Maia di Waldemar Bonsels, edito in italia da Kappa Edizioni nel 2011, è incentrato sulla fuga di Maia dall’Alveare e sulla sua crescita nell’affrontare il mondo da sola.

Si tratta a tutti gli effetti di un romanzo di formazione, e infatti nel finale Maia risulta determinante per la salvezza dell’Alveare, proprio in funzione della maturazione della sua esperienza nel mondo esterno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche