Apolloni dice sì al Gubbio. Anche per amore COMMENTA  

Apolloni dice sì al Gubbio. Anche per amore COMMENTA  

Chi l’ha detto che gli uomini di una volta non esistono più. Nel mondo del calcio il vincolo matrimoniale conta eccome: chi non si ricorda di Zidane, che nel 2000 lasciò la Juve perché la signora Veronique aveva la nostalgia del mare (che comunque a Madrid non è ancora stato rintracciato) e più di recente come dimenticare il clamoroso no di Di Natale al Napoli per rispettare la volontà della signora? L’ultimo esempio arriva dalla Serie B dove il nuovo allenatore del Gubbio, il quarto stagionale, è Luigi Apolloni che sostituisce Marco Alessandrini, in panchina per appena tre gare, di cui una in coabitazione con Simoni, con un bilancio di un pareggio e due sconfitte, il bruciante 6-0 contro il Torino e quella maturata sabato scorso in pieno recupero contro il Livorno.

Leggi anche: Champions League, ecco tutte le partite in programma oggi


Apolloni, romano, 44 anni, un’onorata carriera da giocatore alle spalle con tanto di una finale mondiale, ed una da allenatore ancora in divenire, ha detto sì all’offerta del Gubbio, rifiutata in estate, anche per fare piacere alla moglie, nativa proprio di Gubbio.

Leggi anche: Sbaglia davanti alla porta, l’errore più assurdo di sempre

Firmato un contratto fino a giugno con opzione in caso di salvezza. “Sono soddisfatto di tornare ad allenare perché questo è il sogno di ogni tecnico – è stato il primo commento di Apolloni, ultima esperienza lo scorso anno a Grosseto (appena sei partite)- Ho voglia di raggiungere l’obiettivo della salvezza“.

Chiara quindi la volontà della matricola umbra di non gettare la spugna nonostante una classifica sempre più difficile e soprattutto la depressione che sta gravando sull’ambiente tra la sfiducia nei confronti della società e le dure contestazioni alla squadra (sabato Büchel è stato “rincorso” fino a casa). La temperatura in società è comunque molto alta: la scelta di Alessandrini, appoggiata dal presidente Fioriti ma non dal ds Giammarioli, si è rivelata fallimentare e spettatore di tutto questo è Gigi Simoni, finora l’unico tecnico capace di garantire un rendimento quantomeno dignitoso.

Smentite le voci di dimissioni di Giammarioli e Simoni, venerdì a Cittadella la squadra si giocherà tanto. Ma non tutto: perché Apolloni ci crede. Anche per amore.

Leggi anche

Sport

Champions.Al Juventus stadium i biancocelesti affrontano la Dinamo Zagabria

Champions.Al Juventus stadium i biancocelesti affrontano la Dinamo Zagabria Tensione all'arrivo dei tifosi della Dinamo Zagabria, un migliaio in tutto, allo 'Juventus Stadium'. Un gruppo ha cercato di forzare il cordone di polizia, costringendo le forze dell'ordine a respingerli con l'uso di idranti. Fuori dello stadio la tensione resta comunque alta, a un'ora e mezza dall'inizio della partita di Champions. I bianconeri non perdono in casa da 19 partite. L'ultimo ko risale all'aprile 2013, quando il Bayern Monaco espugnò lo Stadium con i gol di Pizarro e Mandzukic. Compagine arbitrale inglese per Juventus-Dinamo Zagabria, incontro della sesta e ultima giornata Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*