Apple brevetta lo switch durante le chiamate! COMMENTA  

Apple brevetta lo switch durante le chiamate! COMMENTA  

Vi è mai capitato di essere impegnati in una telefonata e nel contempo di utilizzare il vostro smartphone per altre funzioni, magari mentre parlate in vivavoce? Sarà successa la stessa cosa anche gli uomini di Cupertino in effetti, che hanno ben pensato di brevettare tale funzione.

Leggi anche: Ecco l’app più amata dagli spacciatori


Non paga della vittoria su HTC, Apple inserisce una nuova freccia nella propria faretra, un dardo piuttosto potente, a quanto sembra: il brevetto concesso riguarda i “portable electronic device with graphical user interface supporting application switching”, in altre parole tutti i dispositivi mobili con interfaccia grafica che supportano il cambio di contesto tra applicazioni, ovvero sia ogni terminale Android (e non solo).

Sebbene detta così possa sembrare molto tragica (in pratica qualsiasi telefono che abiliti il passaggio dalla chiamata alle applicazioni sarebbe coinvolto), per infrangere effettivamente il brevetto è necessario copiare praticamente ogni aspetto dello stesso, con riferimento al design che vedete raffigurato nell’immagine.

Leggi anche: Apple trova l’accordo con l’Agenzia delle Entrate: sanerà il debito pagando 318 milioni


Siamo sicuri che a questo punto molti di voi saranno corsi ad osservare attentamente il dialer del proprio telefono: non preoccupatevi, lo stanno già facendo anche gli avvocati di Cupertino.

Leggi anche

Windows Store.
Tecnologia

Windows Store non scarica app: cosa fare

Download bloccati per motivi imperscrutabili: cosa fare quando il mai particolarmente munifico Windows Store non scarica le app? Ecco alcuni suggerimenti. Nella maggior parte dei casi, gli utenti di sistemi operativi come Windows o Android, ma anche di i normali possessori di un PC, per i loro acquisti telematici di software "utile", preferiscono andare a colpo sicuro su prodotti certificati e dalla verificata e verificabile reputazione. Ecco perché le principali fonti di aggiornamento di app e software rimangono i negozi online "ufficialmente riconosciuti", come Google Play o Windows Store. Per quanto riguarda quest'ultimo, tuttavia, c'è da registrare un bug alquanto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*