Apple, doccia fredda dalla trimestrale: primo calo dopo 13 anni

Economia

Apple, doccia fredda dalla trimestrale: primo calo dopo 13 anni

Apple CEO Tim Cook speaks during a presentation at Apple headquarters in Cupertino, California in this file photo from October 16, 2014. Cook publicly came out as gay, saying in a magazine article published October 30, 2014 that he wanted to support others who find it difficult to reveal their sexual orientation. REUTERS/Robert Galbraith/Files (UNITED STATES - Tags: SCIENCE TECHNOLOGY BUSINESS)

Il mito della crescita ininterrotta si è rivelato falso anche per un colosso come la Apple, l’azienda numero uno di Wall Street, che fa registrare un calo, dopo 13 anni di conti in crescita. Si tratta della prima flessione dal 2003, per quanto riguarda i primi tre mesi dell’anno 2016, con ricavi che sono scesi a 50,5 miliardi di dollari, mentre nello stesso periodo del 2015, ammontavano a 58 miliardi di dollari.
In calo anche i dati sugli utili netti che ammontano a 10,5 miliardi di dollari, in calo dai 13,6 miliardi rispetto allo stesso periodo dell’anno prima. I profitti per azione sono passati a 1,90 dollari da 2,33 dollari, un dato ben al di sotto dell’attesa degli analisti che pronosticavano un profitto di almeno 2 dollari ad azione.

La crisi dei titoli tecnologici ha mietuto dunque un’altra vittima dopo Alphabet (Google) e Microsoft, che avevano già fatto registrare flessione dei bilanci.

Anche la vendita di iPhone per la prima volta nei quasi nove anni di vita dello smartphone, ha subito una evidente flessione. Dalla trimestrale emerge anche che è sceso a 51,2 milioni il numero degli iPhone venduti nei primi tre mesi 2016. Nello stesso periodo del 2015 gli iPhone venduti erano stati 61 milioni.

Nonostante i dati deludenti, Tim Cook ha elogiato il lavoro del suo team: ‘Il nostro team ha fatto un ottimo lavoro nonostante forti venti contrari da un punto di vista macroeconomico’, ha dichiarato in una nota diffusa a mezzo stampa, nella quale lo stesso si è detto ‘molto contento della continua crescita forte nella divisione servizi grazie alla forza incredibile dell’ecosistema Apple e la crescente base di oltre un miliardo di dispositivi attivi’.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche