Apple potrebbe essere costretta a smettere di vendere “iPad” in Cina COMMENTA  

Apple potrebbe essere costretta a smettere di vendere “iPad” in Cina COMMENTA  


L’anno scorso, Apple ha presentato una querela contro una società denominata Proview Technology Shenzen, in Cina perché la società stava usando il nome “iPad”, e Apple stava cercando di dissuaderli dal farlo.

Leggi anche: 10 idee regalo chic San Valentino per lui


Mentre tutto questo stava succedendo, Taiwan Proview, solo vagamente affiliata con la divisione di Shenzen, ha venduto il marchio di “iPad” in Cina ad un’azienda britannica denominata per lo sviluppo di applicazioni, che poi ha venduto i diritti nuovamente ad Apple. Tutto bene quel che finisce bene? No, perché Apple ha perso la causa originale che avrebbe dovuto impedire a Proview Shenzen di utilizzare il nome iPad.

Leggi anche: Apple trova l’accordo con l’Agenzia delle Entrate: sanerà il debito pagando 318 milioni


Di conseguenza, Shenzen Proview detiene i diritti per il nome”iPad” nella Cina continentale, e Apple può essere multata fino a 2,4 miliardi di yuan. Ovviamente, questa è una questione giuridica intricata, ma se non va risolta in fretta ad Apple potrebbe essere vietato di vendere o di commercializzazione il suo tablet col nome “iPad”, in Cina.

Leggi anche

Tecnologia

Come chiamare con numero privato

Ecco una guida utile per fare chiamate da telefono fisso e cellulare in maniera assolutamente anonima: appuntatevi i codici da fare antecedere al numero del destinatario Spesso oggi per questioni di tutela della riservatezza e della privacy, possiamo fare chiamate telefoniche private senza far comparire il nostro numero di telefono al destinatario. Non è solo possibile aggirare il problema effettuando la chiamata da un telefono pubblico o dal telefono di un terzo soggetto sconosciuto ma, si deve essere informati in modo oculato sulle possibilità reali di effettuare una chiamata dal proprio telefono in modalità anonima. Non è assolutamente difficile chiamare Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*