Applicazione che vi permette di pagare senza fare la coda alla cassa COMMENTA  

Applicazione che vi permette di pagare senza fare la coda alla cassa COMMENTA  

Tutto ciò che è divertente durante l’acquisto di un vestito nuovo spesso può essere rovinato dall’attesa alla cassa.
Ma grazie ad una nuova applicazione del telefono cellulare, si può non far mai più la fila di nuovo. In realtà, si potrebbe anche pagare mentre si sta provando il vestito nel camerino.

Leggi anche: Assalto al caveau con la ruspa: bottino milionario a Catanzaro

L’applicazione ‘In Store’ dell’azienda di pagamento on line PayPal permetterà di acquistare beni in meno di 30 secondi.

PayPal inStore funziona generando un codice a barre sullo schermo, che il negozio scansiona per prendere i soldi dal conto del cliente.

Leggi anche: One finger challenge: selfie nudi ma coperti da un dito

L’applicazione è bloccata da un PIN, e nessun dettaglio finanziario è memorizzato nel telefono stesso.
Le commesse trasportano gli scanner portatili che vengono utilizzati per leggere i codici a barre sui beni dei clienti ovunque si trovino nel negozio.


Gli acquirenti quindi utilizzano la loro applicazione PayPal per inserire un codice, che produce un codice a barre univoco sullo schermo del telefono.
Questo secondo codice a barre viene poi scansionato da una commessa, che completa la vendita, evitando la necessità di recarsi ad una cassa tradizionale.

L'articolo prosegue subito dopo

Le ricevute vengono inviate automaticamente alla posta elettronica. E’stato lanciato in 230 filiali dei negozi Oasis, Warehouse, Coast and Karen Millen prevedendo che più negozi accetteranno i pagamenti entro la fine dell’anno.

L’applicazione può anche essere usata per emettere rimborsi, con i codici a barre memorizzati nel telefono.
Cameron McLean, amministratore delegato di PayPal UK, ha dichiarato: ‘Oggi è l’inizio di una rivoluzione silenziosa nel nostro modo di fare shopping sulla High Street.

‘Abbiamo creato un modo semplice e sicuro per utilizzare un telefono cellulare per pagare nei tuoi negozi preferiti.’
Milioni di persone hanno già investito nello sviluppo della tecnologia ‘senza contatto’, che ci permette di acquistare beni senza inserire una scheda in una macchina.

Leggi anche

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum
Attualità

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum

Nel cuore della notte Maria Elena Boschi scoppia a piangere. E piange per l'esito del referendum costituzionale. Maria Elena Boschi (Montevarchi, 24 gennaio 1981) è una politica italiana, il Ministro senza portafoglio per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento con delega all'attuazione del Programma di Governo nel Governo Renzi dal 22 febbraio 2014. Due lacrime scivolano sulle sue guance rosa facendo colare anche un po’ di rimmel. Piange in un comprensibile miscuglio di rabbia e delusione. Ecco, l’incredulità. Appena due anni fa, negli indici di gradimento, Maria Elena Boschi era il ministro più popolare del Paese: la madrina di ogni riforma compresa quella più importante, quella della Costituzione, e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*