Aprilia SBK e Aprilia CRT - Notizie.it

Aprilia SBK e Aprilia CRT

Moto

Aprilia SBK e Aprilia CRT

Non sono mancate le polemiche alla presentazione della CRT denominata ART, acronimo che significa Aprilia Racing Technology. Questa CRT infatti si distingue da tutte le altre per il fatto che non ha un motore derivato dalla serie, ed opportunamente elaborato, che viene poi installato in una ciclistica prototipo, che normalmente viene prodotta da un’altra engineering. In questo caso l’azienda che produce il motore è la stessa che realizza anche la ciclista e assembla il tutto, ovvero la casa di Noale. Se una MotoGP è un prototipo interamente realizzato dalla stessa casa in modo ufficiale allora qual’è la differenza da una RC213V ed una ART? Probabilmente l’unica è che la ART ha un motore derivato da quello dalla RSV4. Abbiamo sfruttato la foto che ha pubblicato Mattia Pasini in occasione dei sui primi test, a Valencia, in sella alla ART per confrontare la “sua” CRT con la RSV4 da Mondiale SBK. Con ogni probabilità gran parte delle differenze tecniche sono dovute alle limitazioni regolamentari imposte dal mondiale delle derivate di serie.

Tralasciando le evidenti sovrastrutture (potrebbe essere uno scherzo scambiare le carene dalla SBK alla ART), la parte centrale del telaio sembra davvero molto simile, specie nella zona di attacco del forcellone. Il forcellone è differente, ma probabilmente in SBK la scelta è stata obbligata dai limiti di peso imposti per regolamento che impone un bilanciamento sicuramente diverso rispetto alla ART. All’avantreno, dischi freno a parte, troviamo la medesima unità Ohlins a cartuccia pressurizzata. Questo esperimento non solo permette ad Aprilia di autofinanziare il mondiale SBK attraverso la vendita di ART ai team CRT, ma contriubuirà sicuramente allo sviluppo di componenti che poi andranno a finire sulle RSV4 di Max Biaggi e Eugene Laverty con il doppio vantaggio di sviluppo a costo zero! Davvero un bel colpo per la casa di Noale e, nonostante i risultati ancora poco convincenti, ci pensate se in qualche GP una ART finisse davanti ad una MotoGP ?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Andrea Rei 48 Articoli
I campioni non si fanno nelle palestre. I campioni si fanno con qualcosa che hanno nel loro profondo: un desiderio, un sogno, una visione. Devono avere l'abilità e la volontà. Ma la volontà deve essere più forte dell'abilità.
Contact: