Come aprire un negozio online: prospettive, incognite e falsi miti

Shopping

Come aprire un negozio online: prospettive, incognite e falsi miti

negozio-online

Il mondo dell’e-commerce è una realtà ormai affermata e in rapida espansione.

L’e-commerce, ovvero il commercio via internet, è una realtà oramai affermata e in rapida espansione. Grandi siti come ebay, amazon, alibaba ecc., permettono da anni di commerciare virtualmente, senza bisogno di recarsi fisicamente in un negozio e usufruendo spesso di sconti ed offerte.

Un negozio online può quindi rappresentare una concretissima fonte di reddito, grazie all’opportunità di abbattere i costi di gestione propri di un’attività tradizionale. Niente bollette, canoni di locazione, tasse sugli immobili, costi di manutenzione, ecc. ecc.

Fin qui gli aspetti positivi. Non mancano tuttavia incognite e falsi miti.

Le incognite sono rappresentate da un lato dall’effettiva capacità di un negozio online di raggiungere il pubblico degli acquirenti: un sito non frequentato è in pratica un sito inesistente; dall’altro dall’impersonalità dello scambio: contrattare con clienti non fisici espone facilmente a truffe e raggiri. Dunque attenzione!

Infine i falsi miti. Sebbene meno oneroso di un’attività fisica, un negozio online non è a costo zero. O meglio, se lo è rischia di ridursi ad un semplice blog di pubblicità per i vostri prodotti. Se viceversa si vuole costruire qualcosa di più professionale, sarà necessario iscriversi al registro delle imprese, aprire la partita iva, inviare le apposite comunicazioni al comune, affiliarsi alle principali piattaforme di vendita online, scegliere strumenti di pagamento comuni e diffusi (paypal, postepay, ecc) e un servizio di consegna rapido ed affidabile: in pratica tutte cose che hanno dei costi, ma che vi consentiranno di costruire un negozio online professionale.

Se ve la cavate con pc e programmazione, potete costruire autonomamente il vostro sito, risparmiando un bel po’. In alternativa potete ricorrere ai siti internet specializzati nella creazione di store online (alcuni di questi, come ad esempio Blomming, sono gratis) oppure rivolgervi ad un professionista del settore (i costi variano a seconda della professionalità e dei servizi resi).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...