Area 51: le ultime foto rubate della base segreta

Area 51: le ultime foto rubate della base segreta

Viaggi

Area 51: le ultime foto rubate della base segreta

Base militare misteriosa
Area vietata

Le ultime foto alla storia e misteriosa base militare americana denominata Area 51, che sarebbe stata toccata dagli UFO e visitata dagli alieni. ma sono ancora molti i punti da chiarire.

Area legata all’avvistamento di UFO e alieni

Una delle recenti foto

L’Area 51, è una storica base americana segreta situata nel deserto del Nevada (a sud, ndr), fondata nel 1955 allo scopo di testare un aereo da ricognizione chiamato Lockheed U-2 – infatti inizialmente il suo nome era “Nevada Test Site – 51 -. La sua storia è legata a presunti avvistamenti di UFO e di alieni.

Il sito è sempre rimasto chiuso e sorvegliatissimo, perciò è considerato un luogo ancora molto misterioso: addirittura secondo alcuni complottisti sarebbe la stessa Casa Bianca a volere che tale rimanga per sempre, nonostante l’avvicendarsi delle amministrazioni presidenziali USA: il 14 luglio del 2003 in effetti il governo ne parlò, ma in modo vago. Il primo a riferire esplicitamente dell’esistenza di questa zona è stato Barack Obama nel 2013, confermando che la dirigenza USA già ne era a conoscenza. Nel tempo le sono state scattate delle fotografie, le ultime delle quali da parte di una coppia di esploratori, Tim e Tracey Doyle, gestori del Canale YouTube “Ufo Seekers” (Cercatori d’Ufo). Essi hanno scalato una montagna alta ben 2.500 metri, la Tikaboo Peak – situata a poco più di quaranta chilometri ad est della base – per immortalare attraverso un potente tele-obbiettivo lo scenario che si parava loro dinnanzi.

Fotografie non autorizzate quelle dei due esploratori – l’abbiamo capito -, certamente non troppo rivelatrici di possibili misteri, ma certamente molto suggestive, tanto più che sono le più vicine all’Area 51 che siano mai state realizzate.

Le ipotesi su che cosa contenga la base

Storica base americana

Ma che cosa conterrebbe la base militare americana di così straordinario? Gli ufologi hanno parlato dei resti di un oggetto volante, un vero e proprio UFO spaziale caduto a Roswell, località del Nuovo Messico, il 2 luglio del 1947, provocando la morte di una serie di alieni, maschi e femmine.

Luogo misterioso

In realtà alcuni studiosi avrebbero stabilito che a cadere sarebbe stato un pallone a sonda impiegato non si sa bene a che scopo e dotato di microfono, in grado di individuare le onde sonore provenienti da missili balistici ed esperimenti nucleari sovietici all’approssimarsi dalla Guerra Fredda.

Testimonianze insospettabili

In ogni caso sono arrivate testimonianze insospettabili sulla veridicità dell’esistenza degli alieni nell’Area 51, a cominciare da quella di uno scienziato aerospaziale, Boyd Bushman, che aveva lavorato per anni alla base militare USA.

Egli, prima di morire – il 7 agosto del 2014 -, dichiarò: “Gli alieni esistono e collaborano con gli esseri umani nell’Area 51”. Sosteneva anche che il governo fosse al corrente di tutto.

Dopo lo studioso si espresse sull’esistenza degli alieni in questo sito anche un’ex capo delle misure di emergenza del governo canadese sul suo letto di morte: “La CIA mi ha concesso di visitare un’astronave aliena nell’Area 51”, disse all’ex ministro della Difesa Paul Hellyer, il quale avrebbe rivelato il fatto ad un convegno pubblico sugli UFO.

Cinema, TV e video giochi

La vicenda dell’Area 51 ha talmente suggestionato la cultura popolare, che le furono dedicati anche una serie di videogiochi; se ne parla nel celeberrimo film cinematografico di fantascienza “Independence Day” (1996) diretto dal regista Roland Emmerich, nel quale i superstiti dell’invasione della Terra da parte degli alieni, fuggiti dalla Casa Bianca, trovano rifugio proprio nella famosa base militare, da dove combattono gli “invasori” extraterrestri e persino in un reality, i cui concorrenti dovevano riuscire a portare un manufatto alieno al di fuori della zona.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche