Area C sempre più severa: ecco le ultime novità
Area C sempre più severa: ecco le ultime novità
Milano

Area C sempre più severa: ecco le ultime novità

area c

Area C di Milano diventa sempre più severa. Dal 16 ottobre anche i mezzi di trasporto diesel euro 4 senza Fap sono esclusi dal centro città.

Area C di Milano diventa sempre più severa. Dal 16 ottobre anche i mezzi di trasporto diesel euro 4 senza Fap sono esclusi dal centro città. La riduzione del traffico in centro a Milano è stato un obbiettivo sempre presente nelle amministrazioni comunali milanesi. Sicuramente la scelta di vigilare sul traffico cittadino è giustificata dalla volontà di avere un’aria un pò più pulita. L’inquinamento dell’aria infatti è un problema che si può riscontrare molto facilmente se si frequenta Milano.

Le nuove regole

Area C di Milano subirà delle nuove regolamentazioni che sono già state confermate lo scorso febbraio. Il centro di Milano sarà protetto dagli ingressi di veicoli diesel euro 0,1,2,3 ed euro 4 senza Fap, veicoli cioè classificati come “diesel leggeri”. Il nuovo provvedimento dunque, chiarisce Palazzo Marino, riguarderà soltanto i veicoli classificati come “diesel leggeri” e quelli, sempre a gasolio, adibiti per il trasporto delle persone.

Ovviamente i velicoli interessati sono quelli a euro 4 registrati come categoria di veicoli di servizio. L’amministrazione però impone altri divieti. A fronte dei risultati positivi che il comune di Milano ha ottenuto fino ad oggi continua il divieto anche per tutti i veicoli merci tra le ore 8 alle ore 10. Il divieto di ingresso in questa fascia oraria mattutina ha permesso di ridurre il traffico di circa il 38%. La fascia oraria scelta infatti rappresenta il tipico momento di particolare congestione. Questa normativa ha fatto si che anche la distribuzione delle merci fosse completamente riorganizzata.

Nuovi ticket ed ingressi

Da oggi entrerà in vigore anche quella norma che riguarda i bus turistici. Ci sarà una modifica delle norme di pagamento per i bus turistici che superano i nove posti di capienza. Il nuovo ticket è destinato quindi ai veicoli fino a 8 metri che dovranno pagare 40 euro. I veicoli che sono compresi tra gli 8,01 e i 10,50 metri dovranno pagare un ticket di 65 euro, mentre per i veicoli superiori ai 10,50 metri il prezzo arriverà a 100 euro.

Sono previsti degli ingressi liberi per i veicoli diesel 4 con Fap di serie soltanto per quanto riguarda il trasporto di cose alimentari. I veicoli infatti potranno entrare liberamente senza avere l’obbligo di comunicare prima la targa in quanto vengono riconosciuti automaticamente dalle telecamere. Mentre per i veicoli a trasporto alimentare sempre a gasolio con Fap non di serie dovranno invece comunicare anticipatamente la targa del veicolo al comune attraverso un modulo disponibile dalla prossima settimana sul sito ufficiale dell’Area C. Sul sito sarà anche possibile trovare tutta la regolamentazione prevista per l’ingresso all’interno dell’Area C.

Il comune di Milano

Il comune di Milano si ritiene soddisfatto circa i riscontri che ha ottenuto con l’introduzione dell’Area C. Il traffico e l’inquinamento si sono ridotti notevolmente ma si può ancora migliorare. Questa è la filosofia che le amministrazioni comunali milanesi adottano nei confronti del traffico.

La qualità dell’aria e della vita all’interno della città viene per prima. Inoltre Milano è l’unica città italiana ad aver adottato strutturalmente questa misura volta a tutelare l’ambiente. Queste nuove misure, comunica Palazzo Marino, confermano la volontà di continuare a ridurre gradualmente il traffico. Alla fine si vuole arrivare a consentire l’ingresso nell’Area C soltanto a quei veicoli che hanno delle prestazioni ambientali molto elevate.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche