Aria condizionata con l’auto ferma: previste multe fino a 432 euro

Auto

Aria condizionata con l’auto ferma: previste multe fino a 432 euro

aria condizionata

La legge punisce chi sosta per strada con il motore acceso: si rischia una multa salata, sia in estate che in inverno, fino a 432 euro

Lasciare l’aria condizionata accesa con la macchina ferma costituisce una vera e propria infrazione, punibile con una multa piuttosto salata. Si tratta di una abitudine che hanno molti guidatori. Ovvero quella di fare raffreddare l’abitacolo lasciando il motore acceso per qualche minuto prima di partire. La pratica, pur essendo comune, è illegale e viene punita dal Codice della Strada.

L’articolo 157 comma 7-bis punisce quindi gli autisti che, con l’auto ferma, lasciano il motore acceso. In sosta, di fatto, il motore deve sempre restare spento. In caso contrario, si va incontro al rischio di una multa che oscilla tra i 216 e i 432 euro. Il motivo di considerare tale comportamento come una infrazione è legato alla tutela dell’ambiente. Tenendo il motore acceso in sosta, come facilmente intuibile, si continua infatti a inquinare. Diversa è invece la situazione per la fermata. O meglio, per quando ci si ferma per poco tempo per permettere la discesa o la salita di passeggeri dal veicolo e poi ripartire subito dopo.

La norma riguarda anche il periodo invernale, non solo quello estivo.

Così come è illegale raffreddare la macchina in sosta, allo stesso modo lo è anche riscaldarla per gli stessi motivi che si presentano nel primo caso.

Aria condizionata, sosta vietata!

Di solito vigili e le forze dell’ordine in generale tendono a chiudere un occhio su questo tipo di infrazioni. Per questo motivo non risultano tanti i contenziosi legali aperti per tale tipo di trasgressione. La normativa, in realtà, è di per sé piuttosto giovane, dal momento che è stata inserita solo nel 2007 tramite decreto legge. In fondo, chi di noi non si è mai rinfrescato o riscaldato la propria auto da ferma, quando all’esterno le temperature sono proibitive? Bisogna tuttavia stare attenti, perché se si incontrano eventuali controllori del traffico particolarmente rigidi, la sanzione è assicurata.

Durante i mesi estivi le temperature toccano quote alquanto elevate. In alcune località italiane si va facilmente oltre i 35 gradi. Sostare con il motore acceso aiuta pertanto a raffreddare l’abitacolo prima di partire.

La norma riguarda le vetture ferme con motore acceso in qualsiasi periodo. Quindi è valida anche quando si fa riscaldare l’auto in inverno. La legge punisce coloro i quali immettono nell’aria gas di scarico non legati alla marcia. Tale reato è stato introdotto circa 10 anni fa. L’unica consolazione in tal senso è che il divieto è limitato solamente alla sosta, non alla semplice fermata, appunto. Quando cioè ci si accostiamo per far salire e scendere passeggeri dalla vettura o per altre necessità che abbiano una durata molto limitata. In quel caso, il fresco rimane assicurato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*