Aristide Malnati, foto dell’ex naufrago online dopo l’aggressione COMMENTA  

Aristide Malnati, foto dell’ex naufrago online dopo l’aggressione COMMENTA  

Ha rischiato grosso ieri mattina l’ex naufrago dell’isola dei Famosi Aristide Malnati. Mentre faceva colazione in un bar di Corso Como a Milano è stato avvicinato da un uomo che dopo avergli offerto uno spinello ha iniziato a parlare del Corano dicendogli di essere un infedele e che i ‘faraoni sono il frutto del demonio’. L’uomo è passato dalle parole agli insulti ed in un momento di distrazione di Aristide gli ha sferrato dei pugni sul volto facendolo cadere a terra. E’ stato lo stesso Malnati a raccontare la dinamica dei fatti ieri sera a Gianluigi Paragone nel corso de La Giungla su radio 105, rivelando di essere andato in ospedale sulle sue gambe, dove è stato curato.

Leggi anche: Aggredito Aristide Malnati, l’egittologo in ospedale


Gli sono stati applicati dei punti di sutura al labbro e ha dovuto indossare il collarino. Poche ore fa una foto di Mummy, come viene soprannominato da quando ha preso parte all’isola dei Famosi, dopo l’aggressione, è stata pubblicata dal giornalista di Chi Gabriele Parpiglia su Instagram.

Leggi anche: Isola dei Famosi: Aristide Malnati non ce la fa, lascia

Nel frattempo l’aggressore sarebbe stato individuato ed è molto probabile che Malnati, come dichiarato ieri in diretta radio, deciderà di sporgere denuncia.

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*