Armi chimiche in Siria, le foto e i video choc COMMENTA  

Armi chimiche in Siria, le foto e i video choc COMMENTA  

Sono scioccanti i video che il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha diffuso in questi giorni durante i briefing a porte chiuse dedicati all’eventuale attacco in Siria. Lo ha fatto per cercare di convincere Senatori e membri del Congresso a dare la loro approvazione all’utilizzo della forza militare per contrastare il regime del presidente Bashar al-Assad. Immagini forti, per confermare che vicino alla roccaforte ribelle di Demascus sia stato effettivamente messo in atto un attacco chimico lo scorso 21 agosto. Sono 13 i video che la Cnn è riuscita ad ottenere da un funzionario della Casa Bianca, e mostrano la dispersazione che si è diffusa tra la gente quando gli effetti degli agenti chimici si sono fatti sentire: su tutti quelli di un gas nervino chiamato sarin che causa forti convulsioni e insufficienza respiratoria, portando alla morte.


Ci sono anche immagini di decine di bambini riversi a terra, senza vita o di persone con la bava alla bocca, in preda alle convulsioni. L’attacco chimico è costato la vita a 1429 persone, delle quali almeno 426 erano bambini. Un attacco che sarebbe stato voluto e condotto dal regime di Assad e che, secondo Obama, richiede un’adeguata risposta militare. La diffusione dei video, secondo l’ex deputato ed ex governatore del New Mexico, “servirà allo scopo di sensibilizzare il popolo americano e fargli capire che questo non è solo un intervento, ma che si tratta di un attacco militare per fermare questo tipo di atrocità”. Il Segretario di Stato John Kerry ha dichiarato che l’uso di armi chimiche nel conflitto siriano “sono una minaccia per gli Stati Uniti”, motivando così la decisione dell’America di rispondere con i militari al terribile attacco sferrato dal regime siriano.

Leggi anche

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*