Arrestato Graziano Mesina, il bandito torna in carcere COMMENTA  

Arrestato Graziano Mesina, il bandito torna in carcere COMMENTA  

Torna in carcere Graziano Mesina, arrestato con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti. Considerato uno tra i più famosi banditi sardi del dopoguerra, Mesina ha trascorso in carcere gran parte della sua vita: il 71enne, famoso per 22 tentativi di evasione, di cui 10 riusciti, ha trascorso 40 anni dietro le sbarre, 5 da latitante e 11 agli arresti domiciliari. Il bandito, che aveva avuto il ruolo di mediatore nel sequestro del piccolo Farouk Kassam, era libero dal 25 novembre 2004 ma a quanto pare non sarebbe rimasto con le mani in mano: secondo i magistrati di Nuoro è ritenuto a capo di una potente organizzazione dedita al traffico di stupefacenti.


Mesina è stato arrestato in mattinata dai carabinieri: si tratta di un’operazione coordinata da militari del reparto operativo del comando provinciale di Nuoro; vi hanno partecipato anche i militari dell’ Arma di Milano, Cagliari, Oristano, Sassari, Reggio Calabria, i Cacciatori di Sardegna e i militari del decimo nucleo elicotteri di Olbia. L’arresto di Mesina ha permesso di sgominare due organizzazioni, una delle quali era gestita proprio da Mesina: entrambe si occupavano di traffico di stupefacenti ed estorsioni.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*