Arrestato il detenuto evaso dall'ospedale Cardarelli di Napoli: strinse la mano al gioielliere dopo la rapina - Notizie.it

Arrestato il detenuto evaso dall’ospedale Cardarelli di Napoli: strinse la mano al gioielliere dopo la rapina

News

Arrestato il detenuto evaso dall’ospedale Cardarelli di Napoli: strinse la mano al gioielliere dopo la rapina

Arrestato il detenuto evaso dall'ospedale Cardarelli di Napoli
Arrestato il detenuto evaso dall'ospedale Cardarelli di Napoli

Arrestato il detenuto evaso dall’ospedale Cardarelli di Napoli:strinse la mano al gioielliere dopo la rapina, riuscendo ad eludere la sorveglianza e quindi a fuggire.

Il detenuto in questione, Giuseppe Merolla di anni 30, era stato portato all’Ospedale Cardarelli di Napoli per gravi motivi di salute. Merolla era stato arrestato a fine gennaio dai carabinieri, quando aveva messo a segno una rapina in una gioielleria situata nel quartiere Ponticelli di Napoli, dopo essere evaso dagli arresti domiciliari.

All’epoca della rapina alla gioielleria, Merolla assieme ad un complice, si era finto cliente, ed era entrato nel negozio di preziosi con armi in pugno. Al termine del colpo Merolla, prima di darsi alla fuga, strinse la mano al gioielliere. I carabinieri, avvisati immediatamente della rapina, riuscirono a bloccare il ladro quasi subito, con tanto di recupero dell’arma, una pistola calibro 7,65 con la matricola rovinata ed illeggibile.

L’uomo era stato trasferito in ospedale ieri sera ma questa mattina è riuscito ad eludere la sorveglianza e a fuggire.

Giuseppe Merolla è condannato per diversi reati e il fine pena per l’evaso scade nel 2030. L’uomo, che ha alle spalle una lunga carriera da rapinatore, ha strattonato l’agente di polizia penitenziaria che lo piantonava nel reparto di gastroenterologia scappando.

Giuseppe Merolla è stato appena arrestato dai carabinieri a Castel Volturno, in provincia di Caserta. L’uomo è stato bloccato dai militari della Compagnia di Napoli-Poggioreale, nei pressi dell’abitazione di alcuni parenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche