Arrestato il Killer Attentato Palazzo di Giustizia Milano

News

Arrestato il Killer Attentato Palazzo di Giustizia Milano

Milano: per il momento sono solo quattro le vittime del tribunale di Milano, tra cui il giudice Fernando Ciampi che era da sei anni in servizio presso la seconda sezione civile, sezione incaricata dei fallimenti. Precedentemente Ciampi era il presidente presso l’ottava sezione civile. Al suo arrivo al palazzo di giustizia di Milano il giudice Fernando Ciampi era anche stato presidente pre tempore per circa tre mesi in quanto il presidente in carica era sotto inchiesta. Il giudice aveva una fama di persona molto intransigente, è stato anche l’autore di moltissimi testi che trattavano appunto il diritto societario e i fallimenti. Negli ultimi anno quest’ultimo si occupava principalmente di brevetti, marchi e della concorrenza sleale. Si trovava al processo come testimone e non come giudice.

Milano Attentato: tra i morti anche il giovanissimo avvocato Lorenzo Alberto Claris Appiani. Questo era il legale della persona che poi ha effettuato la strage ovvero il Killer.

Quando l’avvocato a rimesso il mandato l’uomo ha estratto la pistola e lo ha sparato uccidendolo. Secondo alcune testimonianze sembra che l’uomo ha anche sparato nella direzione del pubblico ministero Gaetano Ruta senza colpirlo però fortunatamente. Oltre ai morti ci sono stati anche diversi feriti come Giuseppe Erba che sarebbe stato il Teste e Coimputato del processo Eutelia. Questo è rimasto ferito nella sparatoria ma non ce l’ha fatta. Il nipote di Erba Davide Limoncelli, anche lui testimone è in gravissime condizioni presso l’ospedale Policlinico dopo essere stato colpito.

Palazzo di Giustizia Milano: Al momento non è ancora stata rilasciata l’identità della quarta vittima in quanto questa non presenta ferite di arma da fuoco. Il corpo è stato ritrovato sulle scale del Palazzo di Giustizia. L’ipotesi che in questo momento fanno gli investigatori è che la vittima sia stata colpita da un infarto. Ma ovviamente non si può dirlo con certezza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche