Arrivano i Jeans intelligenti: ti avvisano tramite smartphone che stai ingrassando COMMENTA  

Arrivano i Jeans intelligenti: ti avvisano tramite smartphone che stai ingrassando COMMENTA  

Un jeans innovativo che ti avverte quando stai ingrassando comunicando con il tuo smartphone. Si chiama Project Jacquard ed è nato dall’unione dei due colossi Google e Levi’s. Le due società hanno ideato un modo per mantenere la linea.

Leggi anche: Ruba un traghetto: sono Jack Sparrow


Il prodotto rientra in quella che viene chiamata wearable technology, ovvero la tecnologia indossabile che sta pian piano conquistando il mercato. Basti vedere l’Apple Watch o i Google Glass.

Leggi anche: Ollie: il bambino Pinocchio, il cervello gli cresce dentro il naso

I nuovi jeans dovrebbero essere realizzati grazie a sensori tecnologici intrecciati direttamente durante la realizzazione dell’indumento. I sensori collocati nel tessuto non danno alcun fastidio, assicurano i progettisti.

I jeans potranno raccomandare un po’ di esercizio fisico o avvertire di eventuali aumenti di peso e informarti di promozione in corso presso una palestra. 

Paul Dillinger, vice presidente del settore innovazione di Levi’s, ha spiegato che per il momento “non si tratta di un lancio, ma di una piattaforma di produzione”.

L'articolo prosegue subito dopo

“Sarà un’opportunità per sviluppare nuove forme e applicazioni a cui non abbiamo ancora pensato. Il potenziale è dato dal fatto che gli input provengono dai gesti: incrociare le gambe, colpire qualcosa, sollevare dei pesi”.

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*