Art.18 : ieri il blocco della A14, domani si protesta a Milano COMMENTA  

Art.18 : ieri il blocco della A14, domani si protesta a Milano COMMENTA  

Ieri i lavoratori della Fiom provenienti dalle fabbriche dell’anconetano hanno bloccato per circa 1 ora il casello Nord della A14, in segno di protesta per l’ignobile tentativo di massacrare i più dignitosi diritti dei lavoratori con la cancellazione dell’Art 18Circa un migliaio di manifestanti si sono radunati alle 9 vicino ad un centro commerciale nei pressi di Jesi, per poi proseguire armati di bandiere rosse del sindacato dei metalmeccanici, striscioni e slogano contro  il duetto assassino Monti Fornero, fino all’autostrada, immediatamente il nostro solerte Stato ha provveduto ad inscenare la solita pantomima , contrastando i pacifici  lavoratori con un dispiego di Forze dell’ordine in tenuta antisommossa fino a quando non si è giunti a delle trattative con i vertici della questura.

Alle 10,45 le corsie erano completamente invase e campeggiava su tutti uno striscione “Manifestatamente insussistenti” che, come spiega il segretario regionale Fiom Giuseppe Ciarrocchi, si riferisce “alla nuova formulazione dell’art.

18 e alle motivazioni per il reintegro, ma soprattutto al ruolo dei lavoratori dempre più marginalizzati ed inesistenti “Lo scipoero ha avuto una buona riuscita, ma dicono che questo è solo l’inizio, infatti è previsto un”pacchetto” nazionale di proteste.

Intanto domani sciopereranno i metalmeccanici di Milano davanti ad Assolombardia dalle 9 alle 12, sostenuti da una Cgil inflessibile contro le minacce di Monti che , parlando della possibilità di reintegro per licenziamenti illegittimi sostiene che( il reintegro) avverrà solo per ” fattispecie  estreme ed improbabili”La Fiom protesta contro la riforma del lavoro, bloccata la A14

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*