Artemide, un’azienda italiana di successo COMMENTA  

Artemide, un’azienda italiana di successo COMMENTA  


Fondata da Ernesto Gismondi nel 1960 a Pregnana Milanese, Artemide è un’azienda che si occupa di illuminiazione di design e che opera non solo in Italia ma anche all’estero, nel 2011 ha vissuto un anno all’insegna dell’ottimismo e dei grandi risultati, frutto di una strategia che nel 2010 l’ha portata a investire, nonostante la crisi già in corso.

Leggi anche: Offerte di lavoro in Italia e all’estero: part-time e full-time

Il fatturato che ha conseguito l’anno appena concluso ha toccato i 130,7 milioni, cioé una crescita del 6,1% rispetto al 2010, questo è legato, principalmente, alla crescita dei mercati esteri, che hanno segnato un oincremento dell’8,5%. Nel 2012 Artemide proseguirà a investire in innovazione, come del resto ha sempre fatto: 60 dei 700 dipendenti sono impiegati in attività di ricerca e sviluppo.

Leggi anche: Coldiretti: Stalle a rischio senza una moratoria sui debiti

Gli investimenti si concentreranno anche nella distribuzione, altro punto di forza di Artemide che distribuisce i suoi prodotti in 83 Paesi del mondo, esportando il 75% della sua produzione attraverso 24 società controllate e collegate e con una rete distributiva che conta su circa 60 showroom monomarca nelle più importanti città in tutto il pianeta.

Così’ commenta la situazione Ernesto Gismondi: «Molte aziende sono in difficoltà anche se fanno prodotti eccellenti, perché per competere bisogna espandersi all’estero e per farlo occorrono grande capitali: oggi ottenere l’appoggio e il sostegno delle banche non è facile e con questa logica di breve periodo si compromette il futuro del made in Italy.

L'articolo prosegue subito dopo

Ma c’è anche un problema che andrebbe affrontato dagli imprenditori, solo loro possono farlo, ed è il ricambio generazionale”

Leggi anche

opec
Economia

Ecco cosa dice il nuovo accordo dell’OPEC

Dopo 8 anni l’OPEC ha trovato un accordo per la riduzione della produzione di petrolio: circa 1,2 mln di barili in meno al giorno. Coinvolta anche Mosca. L’OPEC, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, ha appena siglato un nuovo accordo quadro. E’ la prima volta che accade una cosa del genere da otto anni a questa parte ed è un risultato arrivato al termine di una trattativa molto complessa, che vedeva contrapposti i tre principali produttori mondiali, Arabia Saudita, Iraq e Iran. In più, il nuovo accordo ha coinvolto anche Paesi che dell’OPEC non fanno parte, come la Russia. L’effetto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*