Articolo 18: ancora nessun accordo tra i sindacati

Attualità

Articolo 18: ancora nessun accordo tra i sindacati

Foto Monti e ForneroPurtroppo, come probabilmente molti si aspettavano, a tutt’oggi non esiste alcun accordo tra i sindacati. L’articolo 18 è quello che maggiormente divide le posizioni. La legge che fino ad ora impediva alle aziende con più di quindici dipendenti di licenziare senza giusta causa è ancora oggetto di dispute. Se la proposta dovesse passare e l’articolo 18 dovesse decadere, ogni azienda, grande o piccola che sia, potrà decidere a sua discrezione se licenziare o meno i propri dipendenti. Sulla pagina Twitter del sindacato Cgil si legge chiaro: “Nessun documento ancora condiviso con Cgil e Uil sull’art. 18.” Ma rassicurano che le trattative con Angeletti e Bonanni proseguiranno senza sosta: “Stiamo ancora lavorando e continueremo a sentirci.” assicurano. Se lo auspica anche il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che, durante la commemorazione di Marco Biagi, non ha perso occasione di evidenziare la tragicità di un mancato accordo tra le parti: “Lo richiedono le difficoltà del Paese, i problemi del mondo del lavoro e dei nostri giovani.” Nel pomeriggio ,lo stesso presidente, ha incontrato il premier Monti e il ministro del Welfare Fornero, ribadendo al vertice che non si può non trovare un accordo.

Dopo tante lotte e sacrifici quindi, a breve, i lavoratori dipendenti, potranno trovarsi senza un occupazione anche in caso di un comportamento ineccepibile…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche