Asciugacapelli sulle parti intime: donna in gravissime condizioni COMMENTA  

Asciugacapelli sulle parti intime: donna in gravissime condizioni COMMENTA  

Donna sviene con il phon in mano, l’asciugacapelli le provoca gravi ustioni alle parti intime. E’ successo ieri mattina a Civitanova (Macerata). Una donna di 40 anni si è presentata alle porte dell’ospedale di Civitanova. La donna, sofferente, lamentava un forte dolore alle gambe e ai genitali. Visitata dai medici, sono state diagnosticate ustioni di 2° e 3° grado. Una situazione poco chiara che ha spinto i dottori a chiamare i carabinieri.

Leggi anche: Milano, cappuccino a 4 euro: lo scontrino delle polemiche al bar della stazione


La 40enne però non è riuscita a fornire una spiegazioni dichiara alle forze dell’ordine, che così si sono rivolte ai familiari presenti in ospedale. Stando al racconto di questi ultimi, la donna si trovava all’interno del bagno dove dopo aver fatto la doccia si stava asciugando i capelli.

Leggi anche: Litiga con la fidanzata, sale su un traliccio ed ecco cosa succede

In quel momento un colpo di sonno l’avrebbe colpita, facendola cadere a terra e battere il capo finendo così col phon ancora acceso sul corpo e restando bruciata.

A quel punto non avendo più risposte da parte della donna, gli stessi familiari si sarebbero ritrovati costretti a sfondare la porta chiusa a chiave dall’interno.

L'articolo prosegue subito dopo

Di lì la corsa in ospedale.

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*