Asia, ecco come saranno le foreste del futuro

Curiosità

Asia, ecco come saranno le foreste del futuro

Asia, ecco come saranno le foreste del futuro
Asia, ecco come saranno le foreste del futuro

Ecco le foreste del futuro. Aria pura in città, la novità arriva dall’Asia. In arrivo i boschi verticali.

In China esattamente a Nanjing arrivano le Nanjing Tower, boschi verticali dove gli abitanti potranno finalmente respirare aria pura. I residenti infatti non dovranno usare le mascherine perchè l’aria sarà di nuovo respirabile.

I nuovi edifici saranno capaci di produrre 60 chilogrammi di ossigeno al giorno. Le torri verdi sono state progettate da un architetto italiano e urbanista, Stefano Boeri. Il progetto si concluderà a breve e le torri diventeranno la prima foresta urbana in Asia entro il 2018.

Da molti anni si pensa a come risolvere il problema dello smog che sta uccidendo milioni di persone. Infatti lo smog delle città è un vero dramma se si pensa che è una delle principali cause di morte in assoluto. Le polveri sottili prodotte dalle auto arrivano nel sangue e nel cervello provocando seri problemi di salute.

Vengono compromessi organi come i polmoni e il cuore.

Molte città sospendono la circolazione delle auto, quando il livello delle polveri sottili raggiunge livelli intollerabili. Nel corso degli anni non si è mai trovata una soluzione adeguata alle emissioni di questi gas dannosi.

In passato altri architetti hanno progettato città verdi. Si è pensato ad intere aree verdi. Architetti e Ingegneri di tutto il mondo sono da sempre all’opera nella creazione di alternative alle città troppo trafficate e piene di smog.

L’amministrazione di molte città ha spesso emanato provvedimenti per ridurre l’emissione di polveri sottili. Allo studio di esperti sono le zone a traffico limitato e Ztl. Le auto ibride sembrano essere una valida alternativa. Si è pensato fra le altre cose, alla modifica degli orari per andare a lavoro. Questa soluzione ridurrebbe il rallentamento e lo smog. Molte aziende negli ultimi tempi incentivano il lavoro on line. Quando il lavoratore può svolgere la sua attività anche da casa, ciò comporta un dimezzamento delle spese e degli spostamenti.

Negli ultimi tempi sono nate nuove iniziative come il car sharing e il bike sharing.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche