Assange si candiderà al Senato australiano

Esteri

Assange si candiderà al Senato australiano

Secondo quanto reso noto dalla rete televisiva australiana ABC Julian Assange, fondatore di Wikileaks agli arresti domiciliari in Inghilterra, vuole candidarsi per un seggio al Senato australiano, Paese del quale Assange possiede la cittadinanza.

Attraverso Twitter Wikileaks ha dichiarato di aver scoperto che “Julian Assange può candidarsi anche se è agli arresti domiciliari” e che la candidatura “sarà annunciata al momento opportuno”.

Assange era stato arrestato nel dicembre del 2010 dopo che il tribunale di Stoccolma aveva emesso nei suoi confronti un mandato d’arresto per stupro, molestie e coercizione illegale, per aver avuto rapporti sessuali non protetti, seppur consenzienti, con due donne e di aver successivamente rifiutato di sottoporsi ad un controllo medico sulle malattie sessualmente trasmissibili, reato punito dalla legge svedese. Assange sostiene invece di essere oggetto di persecuzione per motivi politici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche