Associazione Italiana per la lotta al neuroblastoma e ai tumori cerebrali infantili COMMENTA  

Associazione Italiana per la lotta al neuroblastoma e ai tumori cerebrali infantili COMMENTA  

Ogni bambino ha il proprio angelo custode. Molto spesso, altri, diventano angeli di se stessi. Nell’associazione Italiana per la lotta al neuroblastoma gli angeli, oltre alle centinaia di persone che ogni settimana si propongono per donare il proprio aiuto, sono principalmente due: Filippo il direttore e Federica la coordinatrice delle raccolte.

Filippo Leonardo -che da alcuni anni si occupa dell’associazione per finanziare la ricerca-, spiega che quattro punti su cinque sono stati raggiunti grazie al contributo del singolo cittadino e della sua offerta, e, in molti casi, le cure sono state positive per la salvezza del bimbo.

Federica Sivori, invece, è la responsabile di ogni attività di raccolta fondi da parte dei volontari in diverse strutture pubbliche o private. Questa associazione, in collaborazione con l’Ospedale pediatrico Gaslini di Genova -uno tra i maggiori istituti ospedalieri in Europa-, nasce nel 1993 da alcuni genitori per dare una speranza di vita ai piccoli pazienti e alle loro famiglie.

Dopo i tagli fatti dal governo, sul finanziamento di qualsiasi ricerca medico-scientifica, ogni associazione, compresa la loro O.N.L.U.S., è stata obbligata a scendere in campo per autofinanziarsi confidando nell’aiuto delle persone normali, semplici e sensibili a questa triste tematica.

L'articolo prosegue subito dopo

Grazie a tutti.

Leggi anche

Donna

Chi è la Barbie umana

Quando avevo solo 6 anni ha visto una bambola di Barbie e mi sono detta: ‘Da grande voglio essere come lei”, ha dichiarato Cindy Jackson, la odierna Barbie in carne Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*