Assume ossessivamente Viagra e costringe moglie a fare sesso

Cronaca

Assume ossessivamente Viagra e costringe moglie a fare sesso

Un quarantaseienne leccese è finito sotto processo perché, ossessionato dalla pillola blu, costringeva la moglie ad avere rapporti sessuali in ogni ora del giorno e della notte. La povera donna, stremata dai continui approcci sessuali del marito che assumeva Viagra in maniera ossessiva, lo ha denunciato con l’accusa di maltrattamenti, violenza sessuale e violazione di domicilio. Pare che l’uomo l’abbia costretta ad avere un rapporto sessuale anche mentre era ricoverata in ospedale. Il 46enne di Lecce pretendeva di fare sesso in orari e situazioni alquanto bizzarri, utilizzando anche sexy toy in diverse circostanze.

L’udienza del processo a carico dell’uomo si è tenuta nei giorni scorsi presso il Tribunale di Lecce (prima sezione penale), e si è svolta prendendo in considerazione gli avvenimenti accaduti tra l’Aprile del 2011 e il mese di Giugno 2012. L’uomo, tre anni fa, ha anche violato un provvedimento che gli vietava di fare irruzione in casa dove abita la moglie.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche